Windows 10 rotto

Windows 10, la Modalità Gioco fa male ai giochi

La Modalità gioco di Windows 10 dovrebbe migliorare le prestazioni in-game. Stando ad alcuni utenti si otterrebbe invece l’effetto contrario.

Introdotta a partire da Windows 10 1703 (Creators Update), la Modalità gioco ha l’obiettivo di ottimizzare l’uso del sistema operativo per applicazioni videoludiche. Secondo gli utenti, invece, la funzionalità Game Mode ha effetti del tutto negativi proprio quando si prova a lanciare un gioco.

Icona Windows 10

Anche la Modalità gioco entrerebbe insomma di diritto nella lunga, lunghissima lista in continua espansione dei difetti, i bug e i malfunzionamenti connaturati al codice di Windows 10. Secondo un numero non meglio precisato di utenti, con la Modalità gioco attivata giochi come Call of Duty: Warzone e League of Legends vengono piagati da basse frequenze di fps, stuttering o addirittura da veri e propri crash.

Il problema non sembra connesso al tipo di GPU utilizzato, visto che i malfunzionamenti sono stati sperimentati su schede acceleratrici discrete AMD (Radeon RX 5700 XT, RX 570, RX 480, R9 29) ma anche su GPU NVIDIA (GeForce GTX 980, GeForce GTX 1080 Ti).

La Modalità gioco dovrebbe in teoria ridurre al minimo il “peso” del sistema operativo e dei programmi esterni quando si manda in esecuzione un gioco. I vantaggi prestazionali sarebbero percepibili soprattutto sui PC meno potenti. I report di questi giorni evidenziano che la realtà, almeno per alcuni utenti, è molto diversa dalla teoria.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.