Windows 10 1903

Windows 10, un Menu Start senza Live Tile

Un futuro aggiornamento di Windows 10 potrebbe pensionare una delle funzionalità più inutili nella storia dell’informatica: spariscono le Live Tile dal Menu Start, al loro posto arrivano le icone statiche in stile Windows 10X.

Il Menu Start di Windows 10 è uno degli elementi più problematici dell’ultimo sistema operativo di Microsoft, con gli utenti che si ritrovano da anni costretti a sperimentare bug e problemi, tediose personalizzazioni quando non vere e proprie campagne pubblicitarie che somigliano molto allo spam. Almeno per quanto riguarda le Live Tile, un aggiornamento futuro di Windows 10 potrebbe portare qualche interessante novità positiva per l’utenza.

Nate insieme a Windows Phone 7, un altro dei tanti flop colossali della Microsoft degli ultimi anni, le Live Tile sono “piastrelle” animate utili a presentare informazioni in continuo aggiornamento direttamente dal Menu Start. Come le tile in generale, anche le Live Tile hanno conosciuto una popolarità senza precedenti fra i detrattori di tutto quanto fa Windows 10.

Windows 10X senza Live Tile

Stando a quanto si legge su Windows Latest, le Live Tile potrebbero sparire del tutto dal Menu Start di Windows 10: anche Microsoft è evidentemente consapevole della loro scarsissima utilità per gli utenti, e si preparerebbe dunque a eliminare la funzionalità già a partire dal secondo aggiornamento di Windows 10 in arrivo quest’anno (Windows 10 20H2).

Al posto delle Live Tile dovrebbe arrivare una nuova serie di icone/tile statiche, con conseguente nuovo design del Menu Start di Windows 10 in linea con le scelte effettuate per il Menu Start del sistema multi-display Windows 10X. In alternativa, c’è sempre la possibilità di installare un Menu Start di terze parti per restituire un po’ di sanità mentale a Windows 10 e fare completamente a meno delle “piastrelle”.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.