stoner stanley storia meme connor sinclair 10 guy

News

La storia del meme Stoner Stanley, tornato sul web dopo 10 anni

Martina Pedretti | 11 Agosto 2021

Connor Sinclair si rivela: è lui il meme Stoner Stanley, o 10 Guy. Tutta la sua storia in video e perché ha svelato la sua identità solo ora

Tra il 2009 e il 2011 il web è stato tempestato da una marea di meme che ormai sono diventati iconici e caratteristici di quei tempi. Tante sono le storie dietro alcuni dei volti che internet ha reso noti, come vi abbiamo anche raccontato in questo articolo che racconta il passare del tempo per questi personaggi. Ma di recente è riapparso sul web, dopo 10 anni, il volto di Stoner Stanley, un famosissimo meme il cui protagonista era rimasto segreto sin dal 2011.

Ai tempi Stoner Stanley, con la sua espressione alterata, non era pronto a svelare la sua identità. Tuttavia quel momento è arrivato e il meme vivente si è presentato al web, come Connor Sinclair, un ragazzo del Regno Unito. Ai tempi della foto, diventata presto un meme, aveva da poco avviato il suo percorso universitario.

Dopo quindi 10 anni passati all’ombra del suo meme, senza rivelare a nessuno la sua identità, Connor ha deciso di mostrarsi al pubblico e aprirsi riguardo la sua storia. In italiano lo abbiamo chiamato Stanley Sballato, ma il web lo conosce principalmente come Stoner Stanley o 10 Guy. La foto che lo ritrae, che è diventata meme, raffigura il suo volto in visibile stato alterato, ed è uno dei contenuti del web più virali di sempre.

Chi è Connor Sinclair

Chi è Connor Sinclair? Il ragazzo britannico ha deciso di mostrarsi al mondo con un video su YouTube, aperto proprio per l’occasione. Qui Connor racconta la sua storia e le origini di Stanley Sballato, ovvero come è diventato un meme così celebre. Come per tutti gli altri prima e dopo di lui, anche nel suo caso si è trattato di qualcosa di involontario. Infatti lo scatto non è nato con l’intento di diventare un contenuto virale su internet.

La foto di Stoner Stanley è arrivata su Reddit nel 2011, per caso, in una pagina dedicata all’uso della marijuana a scopo ricreativo. Connor non ha caricato l’immagine, ma bensì lo ha fatto un utente che l’ha reperita online, e ha deciso di condividerla con la comunità. In poco tempo la foto ha fatto il giro del web, e Connor è diventato il meme 10 Guy Stoner Stanley, da quando è arrivata sul portale quickmeme. Questo sito permetteva a chiunque di aggiungere un testo alle immagini, creando la tipica iconografia dei meme.

Ecco il video YouTube di Connor:

Il meme Stoner Stanley diventa NFT

Le divertenti immagini create si basavano tutte sul fatto che Stoner Stanley non fosse capace di fare determinate cose o di parlare mettendo in fila parole in modo esatto. Tutti ironizzavano sul suo stato nel momento in cui la foto era stata scattata, e applicavano quell’attimo a varie esperienze di vita. Per questo motivo Connor Sinclair ha deciso di non identificarsi mai nel meme, fino al 2021.

Perché Connor ha deciso di mostrarsi ora? Come ha rivelato al portale Knowyourmeme, ai tempi aveva però appena compiuto 18 anni ed era in procinto di iniziare percorso universitario. Ma ora, ha deciso di sfruttare la sua indesiderata celebrità, per guadagnare qualcosa.

“Ero un po’ teso all’idea che qualcuno mi associasse a questa foto, e mi preoccupava il fatto che questo potesse influire negativamente sul mio percorso di studi e sulla mia carriera. Non mi sarei mai potuto immaginare che se ne sarebbe parlato ancora tanto a 10 anni di distanza, ma a pensarci bene, se ha fatto ridere tante persone, posso dire che è una bella cosa”.

Connor ha scelto l’anonimato fino a metà 2021, quando ha deciso di sfruttare la sua notorietà per guadagnarci qualcosa. Infatti, rivelando la sua vera identità online, il ragazzo ha deciso di mettere in vendita la fotografia originale, trattandola come un NFT.

Negli ultimi mesi sono molti i meme che si sono tramutati in NFT, ovvero dei contratti virtuali, che conferiscono autenticità e unicità ai contenuti digitali. Anche Stoner Stanley è quindi divenuto un NFT, ed è entrato sul mercato delle aste online, proprio come hanno scelto di fare prima di lui altri protagonisti di meme involontari. Con il suo debutto online Connor è riuscito a entrare nel mercato, all’inizio di giugno, e il meme 10 Guy è stato venduto per 10 mila dollari.

“Sono passati dieci anni da 10 ragazzi, un decennio in cui sono stato un meme online. Ho pensato che ora sarebbe stato il momento perfetto per farmi avanti e magari regalare un’occhiata all’uomo dietro il meme. Dopotutto, non lo farei se internet non fosse fatto per condividere tutto, quindi ho pensato che sarebbe stata una grande cosa da fare.

“Onestamente, non avrei mai pensato che il meme avrebbe avuto la capacità di resitere. Ho avuto un sacco di offerte per promozioni, dai giochi da tavolo a un marchio di snack. Non le ho mai accettate perché non pensavo che alla gente sarebbe interessato, e mi è sembrato fossero tutte un po’ in malafede. Il meme appartiene a tutti coloro che lo hanno condiviso, a chi è piaciuto. Farlo un decennio dopo, dieci anni di 10 Guy, mi è sembrato giusto. Naturalmente, l’hype intorno agli NFT è una grande parte di questo, ma il tempismo è sembrato perfetto.”

Tiktok, richiesta la rimozione su Apple e Google negli USA

News

Richiesta la rimozione di TikTok su Apple e Google negli USA

Andrea Sanna | 6 Dicembre 2022

TikTok

Negli USA arriva l’ennesima richiesta per la rimozione di TikTok su Apple e Google. Ecco cosa sta succedendo

La richiesta di rimozione di TikTok

Dopo Donald Trump, ora anche Brendan Carr sostiene che la rimozione di TikTok su Apple e Google sia necessaria negli USA. Il repubblicano e commissario FCC è tornato a dire la sua sul famoso social network. L’idea è quella di convincere il Dipartimento di Giustizia a bloccare l’operato esercitato da ByteDance su tutto il territorio.

Per fare in modo che TikTok sparisca dagli USA definitivamente ha deciso di coinvolgere di nuovo le due aziende, colpevoli a detta di Carr di sostenere troppo la piattaforma cinese: Il loro potere di “guardiani” della sicurezza dovrebbe essere inserito in qualsiasi indagine antitrust sull’operato degli app store”, sostiene come riportato HDBlog.

Stando a quanto sostiene Brendan Carr fino a quando Apple Store e Play Store mantengono vivo l’interesse per TikTok non fanno che creare un danno ai consumatori, poiché metterebbero a rischio la loro privacy. Ciò che intimorisce, infatti, è che ByteDance possa condividere le informazioni sensibili degli utenti americani con il Governo della Cina.

Al momento tutte le richieste sono state scartate. Per tale ragione si è cambiata la strategia, con la richiesta di rimozione di TikTok dai negozi virtuali per questioni antitrust. Più che sul social, però, la lamentela arriva direttamente ai vari Apple e Google. Questi secondo Barr non garantirebbero un livello di sicurezza elevato per gli utenti.

Sempre a proposito di TikTok, Brendan Carr ha aggiunto dell’altro. Le sue parole: «Apple e Google non stanno esercitando il loro ferreo controllo sulle app a scopo altruistico o a favore della concorrenza che propongono come loro difesa contro le esistenti rivendicazioni antitrust o sulla concorrenza. Invece, la loro condotta dimostra che quelle motivazioni sono meramente pretestuose».

Cosa succederà adesso? TikTok sparirà davvero negli USA? Non ci resta che attendere per capire quale sarà la decisione definitiva. Seguiteci per altre news!

Google semplifica le ricerche: ecco cosa cambierà

News

Google semplifica le ricerche: ecco cosa cambierà

Andrea Sanna | 6 Dicembre 2022

Google

Google apporta delle modifiche e semplifica le ricerche. Scopriamo insieme cosa cambierà con il nuovo aggiornamento

Ricerche semplificate su Google

Tra le tante novità di queste settimane, una arriva direttamente da Google. Attualmente nel motore di ricerca ci troviamo ad avanzare pagina per pagina quando facciamo una ricerca. Ma ora L’azienda informatica statunitense semplifica anche questa funzione.

In che modo? I risultati di Google sul desktop li vedremo in un’unica pagina dallo scrolling continuo. Esattamente come avviene per i dispositivi mobile, ora anche sui pc sarà possibile. Come informato da Mountain View, però, non si tratterà di un vero e proprio scorrimento infinito, ma 6 pagine totali racchiuse in un’unica.

Terminate le sei pagine, Google mostrerà la scritta: “vedi altro“, che permetterà dunque di poter proseguire con la ricerca. Questo quanto si legge dalla pagina ufficiale presente su Twitter.

“A partire da oggi, stiamo introducendo lo scorrimento continuo sul desktop in inglese negli Stati Uniti in modo che tu possa continuare a visualizzare facilmente più risultati di ricerca. Quando raggiungi la parte inferiore di una pagina dei risultati di ricerca, ora potrai visualizzare fino a sei pagine di risultati”.

Questa importante novità di Google parte dagli Stati Uniti con le ricerche in lingua inglese. Pian piano il tutto si estenderà anche negli altri Paesi e di conseguenza nelle varie lingue.

Quando arriva in Italia? Vi chiederete. L’attesa sembra essere ancora, ma non dovrebbero essere così lunghe le tempistiche. Ciò che è certo è che da ora in poi la ricerca su Google sarà continua e non divisa in pagine. I risultati della ricerca, dunque, arriveranno man mano che si scorre con la pagina.

Google quindi apporta una semplificazione importante al suo motore di ricerca. Questa scelta, sicuramente, avvantaggerà anche i siti che non si ritroveranno a figurare dalla seconda pagina in poi, anziché sulla prima. Un piccolo premio, quindi, per quegli articoli che compaiono oltre la prima pagina. Ma sarà comunque importante comparire tra i primissimi risultati.

Tra l’altro Google ha anche pensato come l’utente medio anziché proseguire nella propria ricerca, non vada oltre le prime quattro pagine. In questo modo, dunque, qualcosa forse potrebbe cambiare.

Editoriale | Magazine | News

Techly presenta la nuova tastiera wireless ICTB9801TB: qualità e comfort

Maurizio Mastroluca | 6 Dicembre 2022

Una nuova tastiera wireless retroilluminata con touchpad: ecco la Techly ICTB9801TB

Con l’aumento dei dispositivi tecnologici, mantenere l’ordine della postazione di lavoro o studio diventa sempre più complicato, in particolare per i diversi cavi a cui sono collegati. L’azienda Techly si conferma tra le più attente nel garantire il maggior comfort possibile e allo stesso tempo la migliore qualità. Nello specifico, vi presentiamo la nuova tastiera wireless ICTB9801TB, dotata di retroilluminazione e touchpad, in grado di sfruttare al massimo la tecnologia dei moderni device senza l’ingombro di fili.

Nuova tastiera Techly ICTB9801TB: le caratteristiche

La nuova tastiera wireless presentata da Techly, la ICTB9801TB, è perfetta per ogni tipo di esigenza: dal lavoro allo studio, fino all’utilizzo casalingo. Non essendo necessario il collegamento di fastidiosi cavi, garantisce l’uso anche a distanza, per esempio dal divano per controllare una Smart Tv, grazie alla distanza di operatività che può arrivare fino a 10 metri. Il prodotto è pratico e compatto, ed è dotato di un touchpad integrato, che garantisce precisione, intuitività e comodità nella navigazione. Grazie alla retroilluminazione con sette colorazioni differenti e a tre livelli di intensità, può essere utilizzata anche in assenza di luce. La tastiera può essere facilmente collegata ad un device dotato di ingresso USB e non è necessario installare alcun driver grazie al plug & play: infatti basterà inserire il ricevitore USB (di tipo A, presente in dotazione) nel device di destinazione e il dispositivo è pronto per essere utilizzato. La ICTB9801TB può essere connessa a tre dispositivi in contemporanea, ed è quindi possibile associarla allo stesso tempo al PC, allo smartphone o ad una Smart Tv, switchando da un dispositivo all’altro con un pratico pulsante, rendendo l’esperienza di utilizzo semplice e confortevole.

Techly ICTB9801TB: specifiche e prezzo

Il design che presenta la tastiera Techly ICTB9801TB, moderno, con gommini antiscivolo e angolazione regolabile, oltre alle sue dimensioni di 36,8×13,5×1,3 cm garantiscono un’ottima praticità e rendono l’esperienza di utilizzo piacevole al tatto. La tastiera presenta 90 tasti ed è in formato QWERTY, con pulsanti dedicati all’uso multimediale, per rendere più pratico il controllo del device collegato. Il prodotto è alimentato da una batteria integrata da 1000mAh, la quale può essere ricaricata mediante un comune cavo USB (presente in dotazione) e dispone della modalità stand-by, restando fruibile per 40 minuti. La tecnologia a 2,4GHz garantisce una connessione stabile e affidabile, mentre la sua struttura “scissor-switch” rende la digitazione silenziosa ed efficiente. È compatibile con i principali sistemi operativi: Windows 8/10/11, Apple Mac, Linux, Android e Apple IOS. Techly si conferma quindi un’azienda particolarmente attenta alle esigenze degli utenti, offrendo allo stesso tempo solidità e confortevolezza. Il prodotto è si può acquistare sullo store ufficiale Techly al prezzo di 73,99€ iva inclusa, ed è disponibile anche su Manhattan Shop.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.