Ecosia, 100 milioni di alberi

Ecosia, il search Web ha piantato quasi 100 milioni di alberi

Il motore di ricerca ecologista ha annunciato l’approssimarsi di un traguardo importante. Grazie ai suoi utenti, Ecosia ha piantato quasi 100 milioni di alberi in giro per il mondo.

Ecosia è un motore di ricerca alternativo che, sfruttando l’indice Web di Bing e l’advertising pubblicato accanto alle query degli utenti, vuole contribuire alla salvaguardia dell’ambiente piantando alberi in vari paesi del mondo. Una missione partita circa 10 anni fa, e che presto raggiungerà un traguardo che la società tedesca ha deciso di festeggiare in anticipo sui tempi.

Le ricerche di Ecosia hanno permesso di piantare quasi 100 milioni di alberi, spiega il blog corporate dell’organizzazione. Stando al contatore presente sulla homepage del servizio, la pietra miliare dei 100 milioni di alberi piantati verrà raggiunta e superata entro pochi giorni.

Logo Ecosia

Avere 100 milioni di alberi in più in circolazione equivale a sottrarre 1771 tonnellate di CO2 dall’atmosfera ogni giorno, stimano da Ecosia. Un modo concreto e attivo per combattere gli effetti dei cambiamenti climatici che per Ecosia è da sempre una vocazione, più che un modello di business che sfrutta l’advertising di Microsoft Bing.

Ecosia permette agli utenti interessati di consultare le iniziative ecologiche dell’azienda grazie alla pagina coi report finanziari, da cui è tra l’altro possibile visionare i vari progetti di riforestazioni attivi nel mondo e l’ammontare dei relativi finanziamenti concessi dalla società.

Altre iniziative di Ecosia correlate all’ambiente includono l’installazione di pannelli solari, e lo “shaming” o la promozione delle società presenti nei risultati di ricerca con la visualizzazione, rispettivamente, di una piccola foglia verde per le aziende eco-sostenibili e di un’icona grigia per i combustibili fossi per le aziende inquinanti.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.