Telltale Games

News

Telltale Games, licenziamento di massa e polemiche

Alfonso Maruccia | 26 Settembre 2018

Lo studio di sviluppo che ha reso popolare il format degli adventure game a episodi chiude i battenti, o ci va comunque molto vicino, perché non ha più fondi. Spediti improvvisamente a casa, gli ex-dipendenti si organizzano e avviano una class action.

Telltale Games sta per chiudere i battenti in modo piuttosto drammatico, con la stragrande maggioranza dei dipendenti mandati a casa senza alcuna giustificazione ufficiale e l’incertezza più totale sul futuro delle serie già in produzione. Lo sviluppatore videoludico che voleva rivitalizzare il genere adventure – e che almeno in parte ci è riuscito – sembra avere il destino segnato, e a quanto pare la ragione principale di questa svolta inaspettata non sono (soltanto) le scarse vendite dei giochi.

Nato nel 2004 per volere di alcuni ex-sviluppatori di LucasArts, Telltale si è in questi anni imposto come “lo” studio delle avventure grafiche a episodi, un format che ha potuto contare sull’utilizzo di licenze particolarmente invitanti come i grandi classici della succitata LucasArts (Sam & Max, Monkey Island) ma anche nomi noti dell’intrattenimento e del cinema come Game of Thrones, Jurassic Park, Back to the Future, Batman, The Walking Dead e tanti altri ancora.

Poi, la settimana scorsa, il fulmine a ciel sereno: lo studio ha licenziato il 90% dei suoi dipendenti senza alcun preavviso, mantenendo un numero limitato di impiegati (25) con lo scopo di assolvere agli obblighi contrattuali e infine chiudere definitivamente la baracca.

Dopo lo scompiglio iniziale e la reazione a dir poco sconcertata dei lavoratori interessati, in queste ore uno dei co-fondatori dello studio (Dan Connors) ha svelato quello che dovrebbe essere il motivo principale dietro la chiusura: l’ultima tornata di raccolta fondi per tenere a galla l’azienda si è rivelata un fallimento, con il principale supporter finanziario che si è sfilato all’ultimo momento lasciando Telltale con ben poca scelta sulle cose da fare.

Connors non identifica il finanziatore misterioso ma le fonti parlano dello studio di produzione cinematografica Lionsgate, in precedenza interessato a realizzare un nuovo format interattivo (questa volta a base di scene registrate dal vivo) prima di abbandonare del tutto l’idea.

Quale che sia la verità dietro la (quasi certa) chiusura di Telltale, alcuni impiegati non hanno mandato giù il trattamento ricevuto – mandati a casa senza preavviso e senza alcuna compensazione monetaria – e si sono ora organizzati per avviare una class action contro lo studio: stando alla legge californiana, dice la denuncia presentata da Vernie Roberts, Telltale avrebbe violato il WARN Act non rispettando l’obbligo di avvertire i dipendenti con un anticipo di 60 giorni prima di procedere a un licenziamento di massa come quello in oggetto.

Tiktok, richiesta la rimozione su Apple e Google negli USA

News

Richiesta la rimozione di TikTok su Apple e Google negli USA

Andrea Sanna | 6 Dicembre 2022

TikTok

Negli USA arriva l’ennesima richiesta per la rimozione di TikTok su Apple e Google. Ecco cosa sta succedendo

La richiesta di rimozione di TikTok

Dopo Donald Trump, ora anche Brendan Carr sostiene che la rimozione di TikTok su Apple e Google sia necessaria negli USA. Il repubblicano e commissario FCC è tornato a dire la sua sul famoso social network. L’idea è quella di convincere il Dipartimento di Giustizia a bloccare l’operato esercitato da ByteDance su tutto il territorio.

Per fare in modo che TikTok sparisca dagli USA definitivamente ha deciso di coinvolgere di nuovo le due aziende, colpevoli a detta di Carr di sostenere troppo la piattaforma cinese: Il loro potere di “guardiani” della sicurezza dovrebbe essere inserito in qualsiasi indagine antitrust sull’operato degli app store”, sostiene come riportato HDBlog.

Stando a quanto sostiene Brendan Carr fino a quando Apple Store e Play Store mantengono vivo l’interesse per TikTok non fanno che creare un danno ai consumatori, poiché metterebbero a rischio la loro privacy. Ciò che intimorisce, infatti, è che ByteDance possa condividere le informazioni sensibili degli utenti americani con il Governo della Cina.

Al momento tutte le richieste sono state scartate. Per tale ragione si è cambiata la strategia, con la richiesta di rimozione di TikTok dai negozi virtuali per questioni antitrust. Più che sul social, però, la lamentela arriva direttamente ai vari Apple e Google. Questi secondo Barr non garantirebbero un livello di sicurezza elevato per gli utenti.

Sempre a proposito di TikTok, Brendan Carr ha aggiunto dell’altro. Le sue parole: «Apple e Google non stanno esercitando il loro ferreo controllo sulle app a scopo altruistico o a favore della concorrenza che propongono come loro difesa contro le esistenti rivendicazioni antitrust o sulla concorrenza. Invece, la loro condotta dimostra che quelle motivazioni sono meramente pretestuose».

Cosa succederà adesso? TikTok sparirà davvero negli USA? Non ci resta che attendere per capire quale sarà la decisione definitiva. Seguiteci per altre news!

Google semplifica le ricerche: ecco cosa cambierà

News

Google semplifica le ricerche: ecco cosa cambierà

Andrea Sanna | 6 Dicembre 2022

Google

Google apporta delle modifiche e semplifica le ricerche. Scopriamo insieme cosa cambierà con il nuovo aggiornamento

Ricerche semplificate su Google

Tra le tante novità di queste settimane, una arriva direttamente da Google. Attualmente nel motore di ricerca ci troviamo ad avanzare pagina per pagina quando facciamo una ricerca. Ma ora L’azienda informatica statunitense semplifica anche questa funzione.

In che modo? I risultati di Google sul desktop li vedremo in un’unica pagina dallo scrolling continuo. Esattamente come avviene per i dispositivi mobile, ora anche sui pc sarà possibile. Come informato da Mountain View, però, non si tratterà di un vero e proprio scorrimento infinito, ma 6 pagine totali racchiuse in un’unica.

Terminate le sei pagine, Google mostrerà la scritta: “vedi altro“, che permetterà dunque di poter proseguire con la ricerca. Questo quanto si legge dalla pagina ufficiale presente su Twitter.

“A partire da oggi, stiamo introducendo lo scorrimento continuo sul desktop in inglese negli Stati Uniti in modo che tu possa continuare a visualizzare facilmente più risultati di ricerca. Quando raggiungi la parte inferiore di una pagina dei risultati di ricerca, ora potrai visualizzare fino a sei pagine di risultati”.

Questa importante novità di Google parte dagli Stati Uniti con le ricerche in lingua inglese. Pian piano il tutto si estenderà anche negli altri Paesi e di conseguenza nelle varie lingue.

Quando arriva in Italia? Vi chiederete. L’attesa sembra essere ancora, ma non dovrebbero essere così lunghe le tempistiche. Ciò che è certo è che da ora in poi la ricerca su Google sarà continua e non divisa in pagine. I risultati della ricerca, dunque, arriveranno man mano che si scorre con la pagina.

Google quindi apporta una semplificazione importante al suo motore di ricerca. Questa scelta, sicuramente, avvantaggerà anche i siti che non si ritroveranno a figurare dalla seconda pagina in poi, anziché sulla prima. Un piccolo premio, quindi, per quegli articoli che compaiono oltre la prima pagina. Ma sarà comunque importante comparire tra i primissimi risultati.

Tra l’altro Google ha anche pensato come l’utente medio anziché proseguire nella propria ricerca, non vada oltre le prime quattro pagine. In questo modo, dunque, qualcosa forse potrebbe cambiare.

Editoriale | Magazine | News

Techly presenta la nuova tastiera wireless ICTB9801TB: qualità e comfort

Maurizio Mastroluca | 6 Dicembre 2022

Una nuova tastiera wireless retroilluminata con touchpad: ecco la Techly ICTB9801TB

Con l’aumento dei dispositivi tecnologici, mantenere l’ordine della postazione di lavoro o studio diventa sempre più complicato, in particolare per i diversi cavi a cui sono collegati. L’azienda Techly si conferma tra le più attente nel garantire il maggior comfort possibile e allo stesso tempo la migliore qualità. Nello specifico, vi presentiamo la nuova tastiera wireless ICTB9801TB, dotata di retroilluminazione e touchpad, in grado di sfruttare al massimo la tecnologia dei moderni device senza l’ingombro di fili.

Nuova tastiera Techly ICTB9801TB: le caratteristiche

La nuova tastiera wireless presentata da Techly, la ICTB9801TB, è perfetta per ogni tipo di esigenza: dal lavoro allo studio, fino all’utilizzo casalingo. Non essendo necessario il collegamento di fastidiosi cavi, garantisce l’uso anche a distanza, per esempio dal divano per controllare una Smart Tv, grazie alla distanza di operatività che può arrivare fino a 10 metri. Il prodotto è pratico e compatto, ed è dotato di un touchpad integrato, che garantisce precisione, intuitività e comodità nella navigazione. Grazie alla retroilluminazione con sette colorazioni differenti e a tre livelli di intensità, può essere utilizzata anche in assenza di luce. La tastiera può essere facilmente collegata ad un device dotato di ingresso USB e non è necessario installare alcun driver grazie al plug & play: infatti basterà inserire il ricevitore USB (di tipo A, presente in dotazione) nel device di destinazione e il dispositivo è pronto per essere utilizzato. La ICTB9801TB può essere connessa a tre dispositivi in contemporanea, ed è quindi possibile associarla allo stesso tempo al PC, allo smartphone o ad una Smart Tv, switchando da un dispositivo all’altro con un pratico pulsante, rendendo l’esperienza di utilizzo semplice e confortevole.

Techly ICTB9801TB: specifiche e prezzo

Il design che presenta la tastiera Techly ICTB9801TB, moderno, con gommini antiscivolo e angolazione regolabile, oltre alle sue dimensioni di 36,8×13,5×1,3 cm garantiscono un’ottima praticità e rendono l’esperienza di utilizzo piacevole al tatto. La tastiera presenta 90 tasti ed è in formato QWERTY, con pulsanti dedicati all’uso multimediale, per rendere più pratico il controllo del device collegato. Il prodotto è alimentato da una batteria integrata da 1000mAh, la quale può essere ricaricata mediante un comune cavo USB (presente in dotazione) e dispone della modalità stand-by, restando fruibile per 40 minuti. La tecnologia a 2,4GHz garantisce una connessione stabile e affidabile, mentre la sua struttura “scissor-switch” rende la digitazione silenziosa ed efficiente. È compatibile con i principali sistemi operativi: Windows 8/10/11, Apple Mac, Linux, Android e Apple IOS. Techly si conferma quindi un’azienda particolarmente attenta alle esigenze degli utenti, offrendo allo stesso tempo solidità e confortevolezza. Il prodotto è si può acquistare sullo store ufficiale Techly al prezzo di 73,99€ iva inclusa, ed è disponibile anche su Manhattan Shop.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.