Logo Ubisoft

Ubisoft, via i manager accusati di sessismo e scarsa professionalità

Il publisher francese Ubisoft ha deciso di intervenire in maniera diretta contro le accuse di queste settimane. Tre dei principali protagonisti delle polemiche se ne vanno o cambiano ruolo nell’azienda.

Ubisoft ha annunciato importanti cambiamenti in seno al management, una decisione scaturita dalle accuse e dalle polemiche delle ultime settimane. Il colosso francese dei videogiochi era a quanto pare gestito con una cultura aziendale “mafiosa”, in cui il sessismo, l’abuso e la scarsa condotta professionale erano consentite se non addirittura incoraggiate in alcuni casi.

La mossa annunciata da Yves Guillemot, CEO e co-fondatore di uno dei principali protagonisti del business videoludico mondiale, riguarda in particolare Yannis Mallat, Serge Hascoët e Cécile Cornet. Il primo è, o meglio era direttore degli studi canadesi di Ubisoft, il secondo era Chief Creative Officer e la terza era la responsabile globale delle risorse umane.

Hascoet, Mallat e Cornet - Ubisoft
Serge Hascoët, Yannis Mallat e Cécile Cornet

Le accuse principali riguardano Hascoët, apparentemente colpevole di comportamenti misogini e omofobici e persino responsabile di tentativi di somministrazione di droga ai dipendenti. Visto il suo ruolo apicale, Mallat è stato chiamato in causa in maniera indiretta come “responsabile” del comportamento dei colleghi. Per Cornet l’accusa è invece aver permesso a Hascoët e ad altri dipendenti Ubisoft di comportarsi in maniera a dir poco discutibile con i colleghi e le colleghe.

Mallat e Hascoët si sono dimessi, mentre Cornet ha perso il suo ruolo di responsabile HR globale ed è stata spostata in altra posizione. Stando a quanto dichiarato da Guillemot, il comportamento “tossico” emerso in queste settimane è inaccettabile e va contro i “valori” del colosso da lui fondato. La cultura aziendale dovrà cambiare in maniera significativa, sostiene il CEO.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.