Windows 7

Windows 7, ultimi aggiornamenti e nuovi bug

Le patch finali per Windows 7 portano in dote una spiacevole sorpresa per alcuni utenti, che si ritrovano con lo sfondo “vuoto” dopo l’installazione dell’update.

Il Patch Tuesday di gennaio 2020 ha segnato la fine del supporto ufficiale di Windows 7 da parte di Microsoft, e ora per gli utenti che ancora usano lo storico sistema operativo si apre una fase tutta nuova. Una fase potenzialmente piena di bug e problemi, che in effetti è già cominciata proprio in contemporanea con la distribuzione delle patch mensili del mese in corso.

Alcuni utenti hanno infatti lamentato che, dopo l’installazione dell’aggiornamento cumulativo mensile KB4534310, il desktop di Windows 7 si è “svuotato” dell’immagine impostata in precedenza presentando uno schermo con sfondo completamente nero.

Windows 7, bug sfondo nero

L’ultimo Patch Tuesday per Windows 7 ha in sostanza introdotto un nuovo bug per l’OS, un problema che si è poi scoperto dipendere dalle impostazioni dello sfondo: se l’immagine selezionata viene configurata in una posizione “estesa” (“Stretch” in inglese), al successivo riavvio Windows 7 presenterà lo sfondo nero descritto dagli utenti.

Tra le soluzioni indicate per risolvere l’incresciosa situazione c’è chi consiglia di cambiare la posizione o l’immagine dello sfondo, o addirittura di salvare uno screenshot dello sfondo precedente in versione estesa e poi impostare l’immagine risultante in posizione centrata.

L’alternativa ideale sarebbe ovviamente quella di attendere una soluzione ufficiale da parte di Microsoft sotto forma dell’ennesima patch correttiva per Windows 7, ma ci sono ben poche speranze che la cosa si realizzi: nel recente passato, Redmond ha distribuito aggiornamenti “di emergenza” per gli OS non più supportanti solo nel caso di gravissimi pericoli alla sicurezza dell’infrastruttura di Internet.

PCProfessionale © riproduzione riservata.