YouTube Go raggiunge un record con 10 milioni di download

News

YouTube e l’advertising che non si può saltare

Alfonso Maruccia | 29 Agosto 2018

YouTube

I “creatori di contenuti” attivi sul portale di video sharing avranno presto a disposizione una nuova forma di advertising, una che non potrà essere in alcun modo evitata dagli utenti a meno di usare l’adblocker di ordinanza.

YouTube si prepara ancora una volta a cambiare le carte in tavola per la condivisione video attiva sul network, e questa volta si tratta di una novità rivolta soprattutto ai creatori di contenuti o “YouTuber” che dir si voglia. Per gli utenti finali, invece, la novità sarà tutto fuorché piacevole. In ballo ci sono i guadagni che arrivano dall’advertising.

Stando a quanto rivelato da un video pubblicato sul canale ufficiale Creator Insider, infatti, nei prossimi giorni YouTube abiliterà di default l’advertising che non può essere evitato né “saltato” dopo pochi secondi. Gli ad classificati come unskippable avranno una durata massima di 15 o 20 secondi in relazione alla location dell’utente che guarda il video.

Finora il video-advertising che non si può saltare era una caratteristica esclusiva accessibile solo ad alcuni partner selezionati, ma ora YouTube ha deciso di “democratizzare” la funzionalità abilitandola di default per tutti i video caricati sulla piattaforma. Gli YouTuber che vorranno continuare a usare gli ad tradizionali dovranno modificare le impostazioni di default o quelle di ogni singolo video.

Nel giustificare la nuova mossa, YouTube sostiene che l’advertising unskippable tende a veicolare un flusso di ricavi superiore rispetto agli ad che si possono saltare. Non tutti gli YouTuber sono però d’accordo, e c’è chi dice di aver già potuto sperimentare il nuovo modello con risultati disastrosi sul fronte dei ricavi. Quindi esattamente l’opposto di quanto va sostenendo Alphabet/Google/YouTube.

E gli utenti finali, ultima ruota del carro della piattaforma di video sharing di Mountain View? Agli utenti toccherà sorbirsi il nuovo advertising obbligatorio, a quanto pare, o in alternativa passare al lato oscuro degli adblocker eliminando alla radice l’interno problema della pubblicità indesiderata sul Web.

youtube streaming canali tv

News

YouTube testa lo streaming di canali TV

Martina Pedretti | 17 Gennaio 2023

YouTube

Pare che YouTube stia testando lo streaming gratuito dei canali TV, offrendo alle emittenti accordi basati sulla pubblicità

YouTube è pronto a trasmettere canali TV in modo gratuito

Negli anni la TV si è lentamente dovuta adattare all’impatto del mondo dello streaming, e ora YouTube vuole unire queste due realtà, testando lo streaming dei canali TV in modo gratuito, ma con pubblicità.

Come si legge sul Wall Street Journal, sembra che YouTube stia testando uno strumento per i network, che potrebbero trasmettere i loro canali TV sulla piattaforma in modalità streaming. Questa funzionalità infatti potrà essere efficace solamente dopo aver siglato accordi con i singoli canali televisivi.

Un portavoce di YouTube ha rivelato che i test sono attualmente in corso e sono disponibili solo per un pubblico ristretto di utenti.

Ma come può funzionare tutto questo? Sembra YouTube proponga come offerta alle emittenti accordi il cui fulcro sono le pubblicità che saranno applicate sulla visione streaming. Il Wall Street Journal riporta che YouTube tratterrebbe il 45% dei profitti, lasciando invece ai vari canali TV il 55% delle entrate dovute alla presenza di spot pubblicitari.

Il primo accordo che sembra che YouTube abbia siglato sarebbe cn NFL Sunday Ticket, per mandare in onda le partite della National Football League, la serie A del Football Americano.

Non ci resta che aspettare e scoprire se questo test avrà i suoi frutti e se altre emittenti firmeranno accordi con YouTube per trasmettere i loro canali TV in streaming.

Vi piacerebbe se tutto questo diventasse realtà? Utilizzereste YouTube per guardare programmi solitamente mandati in onda in TV?

YouTube Music karaoke

App

YouTube Music testa la nuova modalità karaoke

Martina Pedretti | 27 Dicembre 2022

YouTube

Sembra che YouTube Music stia testando una nuova modalità karaoke per cantare i brani seguendo il testo con precisione

Una nuova funzione di karaoke sarebbe in sviluppo per YouTube Music

YouTube Music sta testando una nuova funzione che permetterà agli utenti di fare un vero e proprio karaoke. Questa novità metterà alla prova coloro che desiderano cantare i propri brani preferiti a tutto fiato.

Un utente di Reddit ha pubblicato le presunte funzionalità di questo test, incluso uno sguardo alla riprogettazione dell’interfaccia utente di Casting di YouTube Music.

Ora i testi appaiono scritti in bianco, ma YouTube vuole creare un effetto karaoke con le lettere si evidenziano in contemporanea alla voce del cantante. Dapprima sullo schermo appare la copertina dell’album scelto, che poi fa spazio al testo del brano.

Una volta terminata la canzone, YouTube Music visualizza poi un elenco dei crediti della canzone. Inoltre, se non ci sono testi disponibili su cui cantare, apparirà semplicemente la copertina dell’album, il titolo della canzone e il nome dell’artista al centro.

Non ci sono molte informazioni su questa novità allo stato attuale di questo test di YouTube Music. Infatti non abbiamo ancora conferma di quando la funzione sarà lanciata e se effettivamente sarà inclusa in una futura versione stabile dell’app.

Di recente una simile novità è arrivata anche su iOS 16.2, con Apple Music Sing.

mr beast primo youtuber miliardario

News

MrBeast diventerà il primo YouTuber miliardario?

Martina Pedretti | 7 Dicembre 2022

YouTube

Perché sembra che MrBeast diventerà il primo YouTuber miliardario? Vendendo una quota della sua azienda potrebbe presto esserlo

Perché si dice che MrBeast diventerà il primo YouTuber miliardario

Chi bazzica YouTube sicuramente conoscerà lo YouTuber MrBeast, che sembra essere destinato a diventare il primo creator miliardario della piattaforma.

Jimmy Donaldson, di 24 anni dal viso dolce, è un vero e proprio intrattenitore, con i suoi video dove mostra sfide incredibili. MrBeast realizza dei veri e propri mondi per i suoi iscritti, che possono partecipare a giochi mozzafiato e vincere ingenti somme di denaro.

La sua popolarità ha iniziato a salire vertiginosamente quando ha deciso di ricreare nella vita reale degli Squid Game, ispirandosi alla serie Netflix.

Di recente ha fatto un video per promuovere Feastables, il marchio di barrette che ha lanciato lo scorso inverno. Ha invitato dieci fan che hanno trovato “biglietti d’oro” nelle sue MrBeast Bar in un magazzino nella Carolina del Nord. Lì hanno trovato una finta fabbrica di cioccolato con enormi orsetti gommosi appesi ai rami degli alberi in una foresta di lecca-lecca e, proprio come nel film, un vero fiume di cioccolato. In una stanza rivestita di marshmallow rimbalzanti, i concorrenti dovevano stare in piedi su mentine rotanti. Il vincitore si è portato a casa 500.000 dollari, una nuova auto e un piccolo pezzo di fama.

I suoi video sono divertenti, adatti a tutte le età e raggiungono centinaia di milioni di visualizzazioni. MrBeast ha guadagnato 54 milioni di dollari l’anno scorso, inclusi 32 milioni dagli annunci sui suoi oltre dodici canali e 9 dai contenuti sponsorizzati. Ha oltre 110 milioni di iscritti, e il quinto più grande canale YouTube al mondo. Inoltre possiede una catena di fast food chiamata MrBeast Burger, e la sua Feastables.

I suoi guadagni, già i più alti di qualsiasi creatore di social media, sono destinati a raddoppiare nel 2022 fino a 110 milioni. Neanche lontanamente vicina al miliardo. E allora perché si ipotizza che diventerà il primo YouTuber miliardario?

Donaldson è l’unico proprietario del suo studio ma sta cercando di vendere una piccola quota. Il solo 10% potrebbe arrivare a costare 150 milioni dollari. Un accordo così ricco valuterebbe lo studio a 1,5 miliardi, rendendo Donaldson il primo YouTuber miliardario al mondo, dato che la sua quota del 90% varrebbe 1,4 miliardi.

I video di MrBeast con montepremi costosi, isole, jet privati e auto di lusso non gli permettono di avere grossi margini di guadagno. Per questo sta pensando di spingersi oltre.

Al momento Forbes stima che MrBeast valga già circa 500 milioni di dollari. Il suo prossimo passo è quindi quello di trovare degli investitori che possano acquistare una parte della sua azienda e scommettere sui suoi contenuti.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.