fotografia smartphone

Foto perfette con lo smartphone

Per il proprio smartphone iOS o Android sono disponibili innumerevoli app, a pagamento o gratuite, per lo scatto manuale, l’editing, l’aggiunta di effetti e filtri e molto altro. Scopriamo le migliori.

Nel numero 322 di PC Professionale abbiamo appreso come sfruttare le potenzialità delle fotocamere disponibili sui nostri smartphone, imparando a conoscere parametri tecnici tenuti fortemente in considerazione dai professionisti della Fotografia per ottenere immagini di alta qualità. Nel tutorial ci siamo limitati a conoscere meglio le app native della fotocamera e i componenti che costituiscono la medesima, per comprendere potenzialità e limiti del dispositivo che dovrà scattare le nostre foto.

Per foto particolari o più complesse l’app nativa può non bastare ed è necessario ricorrere a soluzioni software di terze parti. Se da un lato l’app di Android su alcuni smartphone può essere molto evoluta, un iPhone invece ha un’app nativa molto limitata nel controllo avanzato e l’utilizzo di un software alternativo per la fotocamera è di rigore, se si vuol dar sfogo alla propria creatività. In queste pagine verranno illustrate delle app alternative sviluppate da terzi, per iOS e Android, che consentiranno di ottenere immagini senza i limiti delle app native.

Nei rispettivi store vi è una sterminata quantità di applicazioni, gratis o a pagamento, che permettono un controllo più o meno totale dell’immagine in fase di scatto e postproduzione (ovvero l’editing). La selezione è stata eseguita tenendo conto del rapporto qualità/prezzo, della leggerezza, dell’interfaccia e delle funzionalità.

Prima di procedere all’acquisto di una determinata app o di provarne una, bisogna porsi la domanda se questa è adeguata al tipo di foto o funzione che si sta cercando. Ogni app scelta ha caratteristiche peculiari che la rendono unica nel suo genere di appartenenza; si spazia dalle app a controllo manuale  a quelle di editing, per apporre filtri professionali, per scattare foto a 360° e in 3D, o infine progettate per funzionare al meglio anche in condizioni di luce estreme.

Va tenuto presente però che alcune app potrebbero offrire delle opzioni che lo smartphone in proprio possesso potrebbe non essere predisposto a fornire. Ad esempio un’app potrebbe consentire il salvataggio delle immagini in formato Raw, ma lo smartphone in uso potrebbe non supportare questa funzione, o ancora potremmo non essere in grado di regolare l’esposizione per lo stesso motivo; tuttavia la maggior parte dei telefoni più recenti dispongono di fotocamere e sensori decisamente evoluti e le restrizioni sono davvero minime.

In ogni caso, una volta scelta la propria “strada” fotografica si potranno ottenere ottimi risultati anche con smartphone non recentissimi. Ancora una volta, l’unico limite è la propria fantasia e voglia di sperimentare. (… continuate a leggere sul numero 324 di PC Professionale)

PCProfessionale © riproduzione riservata.