Alexa app

Alexa per Android e iOS, modalità hands-free

Alexa per Android e iOS include la modalità A mani libere che permette di utilizzare l'assistente di Amazon senza toccare il pulsante dedicato.

Amazon ha aggiornato l’app Alexa per Android e iOS per attivare la modalità “hands-free”, come avviene con gli smart speaker Echo. In realtà l’uso dell’assistente digitale non è completamente a mani libere, in quanto è ancora necessario sbloccare lo smartphone e aprire l’app (se non si possiede un modello Alexa Built-In).

In precedenza prima di pronunciare la “wake word” Alexa era necessario premere il pulsante al centro della barra inferiore. Ora quando l’utente tocca il pulsante viene visualizzata una schermata che suggerisce di attivare la modalità “A mani libere”. Lo stesso risultato si ottiene toccando la voce corrispondente in Impostazioni > Alexa su questo telefono. A questo punto si possono fare le tradizionali domande all’assistente di Amazon, controllare i dispositivi della smart home e avviare la riproduzione musicale in streaming.

Come detto non è una vera e propria modalità a mani libere, in quanto l’utente deve sbloccare lo smartphone e toccare lo schermo per avviare l’app. Quest’ultima operazione può essere evitata chiedendo aiuto agli assistenti della concorrenza, ovvero Google Assistant su Android e Siri su iOS. È sufficiente pronunciare le parole “OK Google, avvia Alexa” e “Hey Siri, avvia Alexa“, rispettivamente.

Una linea blu animata nella parte inferiore della schermata segnala che Alexa è pronta a ricevere i comandi. Amazon ha introdotto diverse novità nel corso delle ultime settimane, tra cui la possibilità di creare le skill personalizzate in pochi minuti, senza la necessità di avere competenze da sviluppatore (tuttavia indispensabili per creare skill più complesse).

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.