Contact tracing

Contact tracing, avviati i test per l’interoperabilità

La Commissione Europa ha avviato i test per il gateway che collegherà i server di back-end delle app di contact tracing basate sul framework Apple/Google.

Come anticipato circa due mesi fa, la Commissione Europea ha avviato i primi test del servizio che permetterà l’interoperabilità tra le varie app per il contact tracing. Quando verrà attivato, un cittadino italiano potrà utilizzare Immuni anche in altri paesi europei, evitando l’installazione delle app locali.

Il collegamento tra le app di contact tracing avviene attraverso un gateway, realizzato da T-Systems e SAP, che sarà gestito dal Data Centre della Commissione a Lussemburgo e che diventerà operativo dal mese di ottobre. L’infrastruttura digitale garantirà la trasmissione dei dati tra i server back-end delle applicazioni nazionali, consentendo a tali applicazioni di funzionare senza soluzione di continuità a livello transfrontaliero. Gli utenti dovranno installare solo un’app e potranno segnalare un eventuale positività al COVID-19 o ricevere un avviso anche quando viaggiano all’estero.

Il gateway permetterà la condivisione degli identificativi casuali tra le app nazionali. I dati verranno scambiati in forma pseudo-anonima, cifrata e solo per il tempo necessario al tracciamento dell’infezione. Saranno ovviamente garantite privacy e sicurezza, quindi nessuno potrà identificare le persone, né il luogo in cui è avvenuto il contatto. I primi test sono stati avviati per le app di contact tracing utilizzate in Italia, Danimarca, Germania, Irlanda e Lettonia.

Ovviamente ciò è possibile solo per le app basate sul framework Apple/Google e quindi su architettura decentralizzata. Il supporto è stato recentemente integrato in iOS 13.7, mentre con Android 11 non occorre più attivare il servizio di localizzazione.

A proposito di Immuni, al momento risultano circa 5,9 milioni di download, pari al 15% dei cittadini con età superiore ai 14 anni e in possesso di smartphone. Si spera che il numero aumenti nelle prossime settimane, considerato anche l’inizio dell’anno scolastico.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.