Facebook

Direttiva ePrivacy, Facebook disattiva alcune funzionalità

Facebook ha dovuto disattivare alcune funzionalità delle sue app per rispettare le nuove regole sulla privacy in vigore nei paesi europei.

Da ieri sono entrate in vigore le nuove regole per i servizi di messaggistica previsti dalla direttiva ePrivacy emanata dall’Europa. L’azienda di Menlo Park ha quindi comunicato che alcune funzionalità non saranno più disponibili in Facebook, Messenger e Instagram. In realtà questa novità era stata già notata dagli utenti qualche giorno fa.

Le nuove regole europee per la privacy impongono diversi limiti all’uso dei dati da parte dei servizi digitali. Google, ad esempio, ha iniziato a mostrare un avviso che permette di disattivare le funzionalità smart di Gmail (basate sui contenuti delle email). Gli utenti che usano le app Facebook, Messenger e Instagram vedranno invece un avviso del genere:

Alcune funzionalità non sono disponibili. Questo è per rispettare le nuove regole per i servizi di messaggistica in Europa. Stiamo lavorando per ripristinarle.

L’azienda di Menlo Park dovrà quindi modificare i servizi. Nessun problema invece per le funzionalità principali. Non c’è un elenco dettagliato delle funzionalità disattivate. Facebook ha solo citato i sondaggi (presenti in Messenger e Instagram), in quanto richiedono l’accesso ai contenuti dei messaggi. La novità non riguarda solo gli utenti europei, ma anche quelli che contattano gli utenti europei.

La direttiva ePrivacy ha tuttavia causato un pericoloso effetto collaterale. L’impossibilità di leggere i messaggi ha infatti bloccato il funzionamento dei tool automatici che rilevano contenuti illegali, come materiali di pedopornografia. Facebook sottolinea che “la Commissione Europea ha dichiarato che la direttiva non fornisce una base legale per questi tool“. Il Consiglio dell’Unione Europea aveva chiesto di non applicare le nuove regole ai tool, ma la soluzione non è stata trovata.

La direttiva ePrivacy non si applica a WhatsApp, in quanto la crittografia end-to-end impedisce la lettura dei messaggi.

PCProfessionale © riproduzione riservata.

Nessun Articolo da visualizzare