Apple iOS 14

iOS 14, Picture-in-Picture solo per YouTube Premium

Google ha comunicato che la funzionalità Picture-in-Picture della versione mobile di YouTube è disponibile su iPhone con iOS 14 solo per gli abbonati Premium.

Poche ore dopo il debutto ufficiale di iOS 14 è stato segnalato un bug che ripristina Safari e Mail come app predefinite. Nel weekend sono trapelate informazioni su un altro problema che riguarda la funzionalità Picture-in-Picture (PiP) introdotta con la nuova versione del sistema operativo. In realtà è stato confermato da Google che si tratta di un funzionamento normale.

Il PiP permette di guardare un video o effettuare una chiamata FaceTime anche mentre si usa un’altra app. La finestra può essere spostata e ridimensionata oppure nascosta (si sentirà l’audio in background). Ciò non è tuttavia possibile con i video della versione mobile di YouTube. Toccando infatti l’icona della funzionalità nell’angolo superiore sinistro, il video viene mostrato brevemente in una finestra separata, ma subito dopo ritorna nella posizione originaria. Se invece l’utente torna alla schermata home, il video scomparirà, come si può vedere nel seguente tweet:

Dato che la funzionalità era presente nelle versioni beta di iOS 14, gli utenti credevano di ritrovarla anche nella versione finale. Google ha invece confermato che il PiP con la versione mobile del sito è disponibile solo per gli utenti Premium. La riproduzione in background è infatti una delle esclusive riservate agli abbonati.

Il Picture-in-Picture funziona perfettamente su iPad, con la versione desktop di YouTube e se il video è inserito all’interno di una pagina web. Queste sono le tre opzioni accessibili agli utenti senza abbonamento. Per quanto riguarda invece il supporto 4K per Apple TV con tvOS 14 (presente nelle versioni beta), l’azienda di Mountain View ha promesso la distribuzione di un aggiornamento nei prossimi giorni.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.