Apple e Robot

Apple e robot, un matrimonio che non s’ha da fare?

I sogni di automazione estrema di Apple si sono infranti contro la dura realtà. Sulla linea di montaggio, i più affidabili e precisi non sono i robot ma i lavoratori umani.

Apple ha investito anni di sperimentazione e un gran mucchio di milioni di dollari nel tentativo di sostituire i lavoratori delle “sue” fabbriche cinesi coi robot, scoprendo invece che, alla fine, i più precisi e affidabili sono sempre e comunque i lavoratori umani. Il sogno di automazione di Cupertino dovrà attendere ancora a lungo.

L’interessante capovolgimento di prospettiva emerge da un nuovo scoop esclusivo di The Information, che cita fonti interne a Apple e retrodata l’inizio delle sperimentazioni al 2012. In quell’anno, il CEO Tim Cook aveva assistito al frutto di una linea di assemblaggio sperimentare realizzata da Foxconn e dedicata al montaggio quasi integrale di tablet iPad.

Apple Robot Foxconn - Foxbot

Eseguito per mezzo di bracci robotici ribattezzati “Foxbot”, l’esperimento di automazione di Foxconn – colosso cinese che gestisce la stragrande maggioranza del lavoro di produzione dei gadget Apple – aveva convinto Cook ad adottare i robot in pianta stabile e in maniera generalizzata.

Un team di esperti in robotica e automazione ha dunque passato gli ultimi anni in un laboratorio segreto di Sunnyvale, in California, cercando di realizzare il sogno intravisto dal CEO di Apple. E invece gli esperti si sono accorti che, anche per i lavori teoricamente più tediosi, la perizia e l’affidabilità dei lavoratori cinesi era piuttosto difficile da sostituire coi bracci robotici.

Ulteriori problemi con l’automazione totale dell’assemblaggio di iGadget sono emersi anche in seguito, riguardando ad esempio il costante malfunzionamento dei robot programmati per installare le tastiere sui MacBook da 12 pollici. Entro il 2018, dice The Information, il sogno robotico di Apple era quasi totalmente svanito a eccezione di alcune parti della catena di montaggio di Apple TV, iPad e Apple Watch.

PCProfessionale © riproduzione riservata.

Newsletter di PC Professionale

Nessun Articolo da visualizzare