Logo Apple

Apple, supporto ufficiale per l’assistenza di terze parti (negli USA)

Cupertino ha annunciato un nuovo piano gratuito per concedere ai laboratori indipendenti l’accesso al materiale documentale e ai pezzi di ricambio ufficiali di iPhone.

Importante cambio di passo in arrivo per gli utenti americani dei dispositivi Apple, che presto potranno contare sulla possibilità di accedere all’assistenza e alla riparazione indipendente di iPhone senza per questo dover rinunciare alla qualità del supporto ufficiale – e alle curve – di Cupertino.

Apple ha infatti annunciato un nuovo programma per i fornitori di supporto e riparazione indipendenti (Independent Repair Provider Program), un progetto specificatamente pensato per quei laboratori e quegli esperti specializzati nell’assistenza agli utenti in possesso di un gadget Apple non più in garanzia.

Il programma è gratuito, prevede l’acquisizione di una certificazione tecnica ufficiale di Apple (anch’essa gratuita) e permette di avere accesso a corsi di training, manuali, strumenti di diagnostica e altre risorse ufficiali per l’assistenza agli iPhone. Previsto altresì l’accesso ai pezzi di ricambio genuini di Apple, allo stesso prezzo dei laboratori di assistenza ufficiali di Cupertino.

iPhone rotto

Apple dice di aver avviato l’iniziativa Independent Repair Provider Program per “meglio rispondere alle esigenze” dei suoi clienti, esigenze che sono state fin qui bellamente negate come alcuni utenti di iPhone XR, iPhone XS e iPhone XS Max hanno scoperto dopo essersi rivolti a un laboratorio indipendente per sostituire la batteria ufficiale del loro gadget extra-lusso.

In realtà Apple ha da sempre la nomea di azienda dalle pratiche “anti-utente”, quando si tratta di riparazioni e sostituzioni dei componenti più mondani di iPhone, ma di recente la corporation di Cupertino ha allentato un po’ la presa aprendo ad esempio la porta agli adattatori di terze parti.

L’avvio del nuovo programma di supporto ai laboratori indipendenti farà certamente piacere all’innumerevole schiera di iUtenti (negli USA) che non vogliono – o magari non possono – rivolgersi al supporto ufficiale, che potranno idealmente contare su un’assistenza di qualità assieme a un risparmio non indifferente sui costi.

PCProfessionale © riproduzione riservata.