Computing - ICT

IDC: nel 2020 il settore ICT varrà $4.300 miliardi

La società di analisi IDC pubblica le previsioni per gli investimenti globali nel settore ICT, un business dal valore di 4.300 miliardi di dollari che potrebbe però soffrire a causa del Coronavirus di Wuhan.

Il settore dell’Information and Communications Technology (ICT) è in crescita costante, e anche nel 2020 le spese e gli investimenti in tecnologia e telecomunicazioni raggiungerà un nuovo record da migliaia di miliardi. Lo dice IDC, anche se nel conteggio non sembra essere presente il potenziale impatto della nuova epidemia da coronavirus propagatasi dalla Cina.

Secondo quanto sostiene IDC, entro l’anno in corso la spesa totale nel settore ICT dovrebbe arrivare a 4.3 trilioni di dollari ovvero $4.300 miliardi. La stima rappresenta un incremento del 3,6% rispetto al 2019, con circa la metà dell’intera torta ($2.700 miliardi) occupata dalle spese dei settori pubblici e commerciali e il resto costituito da acquisiti da parte dei consumatori finali.

Spesa ICT nel 2020 secondo IDC

Più della metà della spesa ICT dell’anno riguarderà l’acquisto di PC, smartphone e applicazioni enterprise, dice ancora IDC, mentre i servizi IT varranno “appena” $750 miliardi; le telecomunicazioni occuperanno un terzo della spesa in ICT, con i servizi di connettività (wireless e fissi) a fare da maggiori contributori in tal senso. Per quanto riguarda i singoli settori interessati a spendere in apparati hi-tech, IDC dice che le realtà bancarie, la manifattura, i servizi professionali e le industri di telecomunicazione varranno quest’anno il 40% del totale.

Secondo gli analisti americani, gli investimenti tecnologici avrebbero potuto crescere anche di più se aziende, autorità e consumatori non avessero dovuto fare i conti con un’economia in contrazione, investimenti business in frenata e incertezza complessiva del mercato. Quello che IDC non sembra stimare, e che avrà certamente un effetto vieppiù deprimente sul mercato ICT del 2020, è l’impatto complessivo dell’infezione da Coronavirus di Wuhan sull’industria da qui a un anno.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.