Qualcomm Snapdragon 865 Plus

Snapdragon 865 Plus, nuovo processore di Qualcomm

Qualcomm ha svelato lo Snapdragon 865 Plus, il nuovo SoC octa core che verrà integrato nel ROG Phone 3 di ASUS e forse nei Galaxy Note 20 di Samsung.

Qualcomm ha annunciato lo Snapdragon 865 Plus, versione “overcloccata” del noto Snapdragon 865 integrato in oltre 140 dispositivi mobile. Rispetto al SoC originario sono state incrementate le frequenze massime di CPU e GPU, in modo da offrire maggiori prestazioni con i giochi. Il produttore californiano ha inoltre aggiunto la compatibilità con il modulo FastConnect 6900.

Lo Snapdragon 865 Plus integra una CPU octa core in configurazione 1+3+4. Quella principale basata sul Cortex-A77 raggiunge una frequenza massima di 3,1 GHz, circa il 10% in più rispetto allo Snapdragon 865. Anche per la GPU Adreno 650 è stata incrementata la frequenza di clock, ma Qualcomm non ha fornito nessuna specifica, promettendo solo un aumento delle prestazioni grafiche del 10%. La GPU supporta display con risoluzione massima Quad HD+ a 144 Hz.

Qualcom Snapdragon 865 Plus

La terza novità è la compatibilità con FastConnect 6900, il modulo che supporta gli standard Wi-Fi 6E a 6 GHz e Bluetooth 5.2. Tutte le altre specifiche del SoC sono rimaste invariate: controller di memoria LPDDR4X e LPDDR5, dual ISP con supporto per singole fotocamere fino a 200 megapixel e varie tecnologie IA. Ovviamente il processore deve essere obbligatoriamente abbinato al modem Snapdragon X55 5G.

I primi due smartphone equipaggiati con lo Snapdragon 865 Plus saranno ASUS ROG Phone 3 e Lenovo Legion. Tra i dispositivi futuri ci saranno molto probabilmente i Galaxy Note 20 e Note 20 Ultra. Entro fine anno è invece atteso il lancio dello Snapdragon 875 che troverà posto nella serie Galaxy S30 all’inizio del 2021. Altri annunci sono previsti nel terzo trimestre 2020.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.