Firefox, nuovo logo

HowTo | Software

Come calcolare la quantità di memoria RAM usata da Mozilla Firefox

Alfonso Maruccia | 11 Gennaio 2019

Mozilla Servizi Web Software

Il nuovo setup multi-processo di Firefox ha reso più complicato analizzare i consumi di memoria del browser Mozilla. Che per […]

Il nuovo setup multi-processo di Firefox ha reso più complicato analizzare i consumi di memoria del browser Mozilla. Che per giunta è diventato sempre più “affamato” di RAM, soprattutto nella versione a 64-bit.

Logo Firefox

Il debutto dell’oramai famigerato Progetto Quantum ha avuto un bel po’ di conseguenze sul funzionamento di Firefox e le abitudini degli utenti: ora il browser Mozilla è entrato a pieno diritto nell’era dei software multi-thread, un paradigma che permette di “estrarre” prestazioni notevolmente superiori sui PC dotati di CPU multi-core – in sostanza quasi tutti quelli venduti negli ultimi anni.

Oltre a girare sensibilmente meglio e a garantire un’esperienza di navigazione sul Web moderno alla pari – o forse persino superiore – della concorrenza, Firefox in declinazione Quantum ha sposato una struttura multi-processo che in pratica “spezzetta” le diverse componenti del browser in più processi caricati in memoria: quando è in esecuzione, una configurazione media di Firefox include almeno più di cinque processi – inclusi quello principale e quelli per i contenuti Web in numero configurabile dall’utente.

Firefox Quantum, consumo di memoria RAM - 1
Aprire in una nuova scheda per ingrandire

Le conseguenze del passaggio al setup multi-processo non si riverberano soltanto sui componenti aggiuntivi, ora fortemente limitati nelle loro capacità in seguito all’adozione delle API WebExtensions, ma anche nell’utilizzo della memoria di sistema. Firefox ha integrato un misuratore interno accessibile digitando about:memory sulla barra degli indirizzi e premendo Invio, ma si tratta di informazioni estremamente farraginose e frammentate che poco dicono all’utente finale desideroso di conoscere la RAM attualmente occupata dal browser.

Su Windows, l’unica alternativa per calcolare con una certa approssimazione il consumo di RAM di Firefox senza l’uso di software aggiuntivo consiste nell’aprire il tool Gestione Attività (Ctrl+Shift+Esc), selezionare la scheda Processi, fare click su Nome per organizzare l’elenco in base al nome di processo, quindi individuare tutti i processi riconducibili a Firefox, quello principale – in genere elencato tra le Applicazioni in primo piano – e quelli attivi in background, appuntarsi la memoria consumata da ogni singolo processo (terza colonna da sinistra) e fare la somma con una calcolatrice (quella di Windows è ovviamente più che sufficiente).

Per fare un esempio concreto, volendo calcolare la RAM occupata da Firefox sul sistema usato per scrivere questa guida abbiamo individuato 7 processi “Firefox”, appuntato la memoria usata da ciascuno dei suddetti processi (329,5MB, 208,5MB, 281,7MB, 294,2MB, 412,5MB, 396,2MB, 123,6MB) e quindi sommato le diverse cifre per ottenere un consumo totale di circa 2 Gigabyte di RAM con più di quindici schede aperte in contemporanea.

Firefox Quantum, consumo di memoria RAM - 2
Aprire in una nuova scheda per ingrandire
Firefox Quantum, consumo di memoria RAM - 3
Aprire in una nuova scheda per ingrandire

Il metodo di calcolo appena descritto è piuttosto approssimativo, fornisce dati destinati a mutare in tempo reale – soprattutto se le schede attive includono contenuti “live” e non semplici script statici – ma è la soluzione più semplice e immediata per conoscere l’impatto di Firefox Quantum sul sistema in uso. Il passaggio al multi-threading ha “liberato” gli spiriti animali del Panda Rosso come non mai, e ora il browser Mozilla è capace di consumare enormi quantità di memoria RAM se usato nella sua versione a 64-bit: non è raro, durante la nostra navigazione quotidiana, aprire più di un centinaio di schede in contemporanea occupando così 8 Gigabyte di RAM e anche di più.

Mozilla Firefox

Software

Download del giorno: Mozilla Firefox 84.0

Alfonso Maruccia | 16 Dicembre 2020

Browser Web Download del giorno Mozilla

Mozilla ha distribuito l’ultima versione dell’anno di Firefox, browser open source che migliora sul fronte delle prestazioni con i nuovi chip M1 di Apple.

Mozilla ha distribuito il solito aggiornamento mensile per Firefox, unico browser open source rimasto sul mercato alternativo allo strapotere di Google Chrome e relativi cloni basati sul progetto Chromium. Una release che si caratterizza ancora una volta per il miglioramento delle prestazioni, soprattutto sul nuovo SoC ARM di Apple e su Linux.

La caratteristica saliente di Mozilla Firefox 84.0 è infatti il supporto nativo per i nuovo SoC ARM di Apple (M1), fatto che migliora in maniera sensibile le performance (secondo quanto sostiene la corporation) rispetto alle precedenti build non native di Firefox 83.

Grazie all’uso del codice nativo, su Apple M1 Firefox 84.0 si avvia 2,5 più velocemente e le “web app” sono responsive il doppio. Le prestazioni migliorano anche su Linux, dove la nuova versione del browser FOSS utilizza tecniche di allocazione della memoria condivisa più moderne.

Altre novità di Mozilla Firefox 84.0 includono un’estensione del supporto a WebRender su Windows, macOS Big Sur e Linux, con GPU integrate Intel Gen 6 (nel caso di Windows). Presenti inoltre svariati bugfix, e l’ultimo mese di supporto garantito al Flash Player prima del suo pensionamento definitivo a gennaio.

Mozilla Firefox 84.0 è come sempre disponibile per il download per via automatica, tramite la funzionalità di aggiornamento integrata nel browser, sulla pagina di download ufficiale indicata qui di seguito oppure tramite i soliti canali avanzati.

Pagina ufficiale del download di Mozilla Firefox 84.0 per Windows, Linux e mac

Mozilla

News

Mozilla, ricavi raddoppiati nel 2019

Alfonso Maruccia | 11 Dicembre 2020

Browser Web Google Mercato Mozilla

Durante l’anno passato, Mozilla ha guadagnato quasi il doppio dei ricavi del 2018. Un risultato che probabilmente dipende dalla causa legale contro Yahoo!, e che non cambia molto per il futuro della corporation.

Mozilla ha pubblicato il nuovo rapporto indipendente sullo stato dei conti per il 2019, un documento molto interessante per valutare lo stato di salute della corporation e ipotizzare le prospettive future. Un futuro che, ricavi raddoppiati a parte, continua a essere estremamente incerto se non del tutto negativo.

Secondo l’ultimo rapporto di Mozilla, la situazione finanziaria della corporation non potrebbe essere migliore. Nel 2019 i guadagni sono arrivati a 828 milioni di dollari, quasi raddoppiando la cifra del 2018 ($450 milioni). Il grosso dei ricavi di Mozilla deriva dalle partnership per l’inclusione dei motori di ricerca nelle diverse versioni regionali del browser Firefox, e nel 2019 tali accordi hanno pesato per $451 milioni totali.

Nuovo logo Mozilla Firefox

L’altra fetta significativa di ricavi (338 milioni di dollari) è segnata nel rapporto come proveniente da “altre” fonti, e vista la corrispondenza delle cifre potrebbe trattarsi della somma richiesta da Mozilla nella causa contro Yahoo! per il search. Tolta quella fonte aggiuntiva e una tantum, insomma, Mozilla è sempre e comunque dipendente dagli accordi con i motori di ricerca per continuare a esistere nella sua forma attuale.

Google, in particolare, vale ancora il 73% dei ricavi del 2019 e continuerà a fornire ossigeno a Mozilla per almeno altri tre anni. Le fonti di guadagno alternative non si sono ancora materializzate, la corporation ha già licenziato centinaia di dipendenti e dismesso servizi ritenuti economicamente non profittevoli. Ora che anche ChrEdge ruba quote di mercato a Firefox, Mozilla sembra avviata sullo stesso percorso che ha consegnato la storica Netscape al dimenticatoio della storia.

Mozilla Firefox

Software

Download del giorno: Mozilla Firefox 83.0

Alfonso Maruccia | 19 Novembre 2020

Browser Web Download del giorno Mozilla

Mozilla ha distribuito una nuova versione di Firefox, browser open source che migliora sul fronte delle prestazioni nel caricamento del codice JavaScript e non solo.

Mozilla ha distribuito il solito aggiornamento mensile per Firefox, unico browser open source rimasto sul mercato alternativo allo strapotere di Google Chrome e relativi cloni basati sul progetto Chromium. Una release che si caratterizza ancora una volta per il sensibile miglioramento delle prestazioni.

Con Mozilla Firefox 83.0 gli utenti dovrebbero fruire di una navigazione Web molto più veloce e reattiva, grazie alle modifiche all’engine JavaScript del browser FOSS (SpiderMonkey) e a un incremento di performance del 15% nel caricamento delle pagine, del 12% nella responsività. Ridotto altresì dell’8% il consumo di memoria RAM.

Firefox 83.0 include poi la tanto chiacchierata modalità HTTPS-only, con avvisi nel caso in cui l’utente provasse a visitare siti privi di certificato TLS, il supporto al “pitch-to-zoom” su dispositivi (Windows) con touchscreen, una migliore gestione dei contenuti multimediali in modalità picture-in-picture.

La release 83.0 di Firefox offre poi miglioramenti alle funzionalità di ricerca del browser dalla Barra degli indirizzi, il supporto di AcroForm per la modifica dei PDF nel visualizzatore integrato, bugfix vari e la correzione di diverse vulnerabilità di sicurezza.

Mozilla Firefox 83.0 è come sempre disponibile per il download per via automatica, tramite la funzionalità di aggiornamento integrata nel browser, sulla pagina di download ufficiale indicata qui di seguito oppure tramite i soliti canali avanzati.

Pagina ufficiale del download di Mozilla Firefox 83.0 per Windows, Linux e macOS

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.