Windows 10, nuove Icone Fluent Design

Usare un mix di colori scuri e chiari per l’interfaccia e le applicazioni di Windows 10

Guida alla personalizzazione dei colori dell’interfaccia e delle finestre delle applicazioni in Windows 10, così da ripristinare il comportamento della Shell precedente al 2019.

L’interfaccia di Windows 10 è un obiettivo in continuo movimento, e non è raro imbattersi in cambiamenti potenzialmente spiacevoli per l’abituale ambiente operativo che ci aspettiamo di avere davanti ogni giorno. Prima del debutto di Windows 10 1903, ad esempio, Windows utilizzava colori scuri per la Shell (Menu Start, Barra delle Applicazioni, Centro Notifiche) e colori chiari per le finestre delle applicazioni.

Ora le cose non funzionano più così, e quando si seleziona un tema “scuro” i colori si anneriscono per ogni dove. Parimenti, non è più possibile usare colori chiari nelle applicazioni assieme a colori scuri personalizzati nella Shell di Windows. A meno, ovviamente, di personalizzare a dovere la UI tramite la app Impostazioni (Win+I).

Tema chiaro e colori scuri in Windows 10 - 1

Le opzioni di cui abbiamo bisogno si trovano sotto la voce Personalizzazione nelle Impostazioni, e poi selezionando Colori dalla colonna a sinistra. Dal Menu a tendina Scegli il tuo colore occorre selezionare Personalizzato, quindi impostare Scuro per la “modalità predefinita di Window” e Chiaro per la “modalità predefinita dell’app” nelle opzioni in basso.

Tema chiaro e colori scuri in Windows 10 - 2

Una volta selezionato il colore che desideriamo impostare come quello di default, per ottenere l’effetto desiderato nella GUI e nelle finestre dei programmi occorre altresì spuntare entrambe le caselle in basso nella sezione Mostra il colore principale sulle superfici seguenti.

Tema chiaro e colori scuri in Windows 10 - 3

Fatta questa ulteriore modifica, potremo chiudere la app Impostazioni e infine goderci il tipo di interfaccia e di tema di Windows 10 che abbiamo sempre preferito.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.