Intel Lidar RealSense L515

Intel RealSense LiDAR L515, percepire il mondo in 3D

La nuova camera lidar di Intel offre prestazioni senza precedenti, misurazioni precise al millimetro e un consumo ridotto di energia elettrica. RealSense LiDAR L515 offre nuovi modi di “percepire” il mondo in 3D a diverse tipologie di aziende.

Intel ha presentato la sua ultima offerta nel campo delle videocamere lidar, una tecnologia in grado di facilitare il telerilevamento di oggetti e persone misurando distanza, velocità e altre caratteristiche sulla consistenza “tridimensionale” del mondo reale tramite l’impiego di laser. RealSense LiDAR Camera L515 offre tutte le caratteristiche di un sistema lidar in dimensioni compatte e con efficienza record nei consumi, promette Intel.

RealSense L515 è la videocamera lidar più piccola esistente al mondo, sostiene Intel presentando ufficialmente il nuovo dispositivo, è in grado di catturare milioni di punti di profondità al secondo e offre performance di alta qualità con misurazioni accurate al millimetro nelle applicazioni che richiedono funzionalità di visione avanzate.

Focalizzata sulle applicazioni indoor che richiedono scansioni di profondità 3D ad alta risoluzione, RealSense L515 impiega una tecnologia a stato solido proprietaria grazie alla quale è in grado di catturare 23 milioni di punti di profondità con una risoluzione di 1024×768 pixel e a 30 frame al secondo. Il processore visivo interno è in grado di ridurre gli effetti del motion blur e di altri artefatti capaci di influenzare il rilevamento di profondità.

La camera lidar RealSese L515 include poi un accelerometro, un giroscopio e una videocamera RGB standard in Full HD, e utilizza lo stesso kit di sviluppo open source degli altri prodotti della linea RealSense (RealSense SDK 2.0). Intel propone RealSese L515 come sistema di rilevamento 3D ideale per l’industria della logistica, ipotizzando altresì l’efficacia della nuova tecnologia lidar in ambiti quali la scansione 3D, la cura della salute, la vendita al dettaglio, la robotica e altri ancora.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.