Disco Blu-ray

News

Lettori Blu-ray Samsung, poche righe di XML per il reboot infinito

Alfonso Maruccia | 21 Luglio 2020

Blu-ray Samsung Sicurezza

L’origine del reboot infinito dei lettori Blu-ray di Samsung sarebbe un minuscolo file XML mal interpretato dal firmware. Un problema quasi irrisolvibile per l’utente comune.

A un mese di distanza dalla strage in stile Lemming dei lettori Blu-ray di Samsung, emerge quella che potrebbe essere la vera origine del problema. A causare il loop di reboot infiniti, i crash e gli altri problemi sperimentati dai clienti sarebbe stato un singolo, minuscolo file XML, utile ai fini della privacy ma assolutamente devastante a causa di un errore di programmazione nel firmware dei dispositivi coinvolti.

A svelare l’arcano è una fonte di The Register, secondo la quale a causare l’incresciosa situazione sarebbe stato il download in file di policy sui lettori Blu-ray connessi a Internet. Un file scaricato periodicamente, e pensato per chiedere all’utente l’autorizzazione al log delle attività del dispositivo e il successivo invio ai server di Samsung.

Logo Samsung

La versione del 18 giugno del file in oggetto (ora sostituita) era formattata correttamente secondo lo standard XML, dice la fonte, ma includeva un elemento “lista” vuoto. Il codice era il seguente, e non è stato a quanto pare interpretato nella maniera corretta dal firmware dei lettori di Samsung.

<?xml version="1.0"?> <Policy>

<period val="2020-06-18T17:00:01"/> <server type="operating"/>
<list/>

</Policy>

Il file XML veniva letto a ogni nuovi riavvio del dispositivo, provocando il riavvio senza soluzione di continuità sperimentato dagli utenti. L’unica soluzione pratica al problema consiste nell’invio del dispositivo fallato a Samsung per la sostituzione fisica del chip con all’interno il file incriminato. Samsung ha in effetti già avviato la procedura di assistenza, anche se non ha al momento confermato la storia di The Register.

L'Unico Anello

News

Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit finalmente in Blu-ray Ultra HD

Alfonso Maruccia | 8 Ottobre 2020

Blu-ray Cinema COVID-19 Home Video

Confermato l’arrivo delle versioni home video in Ultra HD delle trilogie cinematografiche de Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. Presto negli store fisici e online, negli USA e in Europa.

Il formato Blu-ray Ultra HD, tutt’ora il non-plus dell’esperienza cinematografica domestica con buona pace dello streaming e degli abbonamenti online, si arricchirà presto di una release imperdibile per gli appassionati. Nei prossimi mesi usciranno le versione 4K de Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit, con miglioramenti importanti sul fronte della qualità e (forse) dei contenuti.

Le indiscrezioni sull’attesa versione Ultra HD dei monumentali adattamenti cinematografici delle storie ambientate nella Terra di Mezzo si sono ora concretizzate su Amazon.com. Il Signore degli Anelli in Blu-ray Ultra HD arriverà in versione “standard” e in edizione regalo, con un costo rispettivamente di $90 e $150, l’inclusione delle versioni cinematografiche ed estese della trilogia e un codice per il download della versione digitale.

Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit in Blu-ray Ultra HD

Stesso trattamento per Lo Hobbit, attualmente preordinabile su Amazon.com in una singola edizione Ultra HD con versione cinematografica ed estesa della trilogia. I nuovi cofanetti Blu-ray Ultra HD arriveranno anche in Europa, forse in tempo per le feste Natalizie dopo il paventato posticipo al 2021 a causa della pandemia di COVID-19.

Le nuove edizioni home video delle trilogie tolkieniane potranno a quanto pare contare sulla supervisione diretta del regista Peter Jackson, con remastering in 4K da scansioni (sempre in 4K) dei negativi originali e degli effetti CGI, doppio canale HDR (HDR-10, Dolby Vision) e forse nuovi contenuti extra esclusivi. Un regalo perfetto per le strenne natalizie.

BurnAware - CD - DVD - disco

Windows

Download del giorno: BurnAware Free 13.7

Alfonso Maruccia | 11 Settembre 2020

Blu-ray CD Download del giorno DVD Software

BurnAware, il software di masterizzazione dotato di tutte le funzionalità necessarie alla gestione/creazione dei dischi in formato ottico, si aggiorna ancora con bugfix e novità varie.

BurnAware Free è un software per la creazione e la gestione di dischi ottici, compilation ISO e file immagine variamente formattati. Una tipologia di programmi che continua ad avere la sua ragion d’essere nelle funzioni di masterizzazione e creazione ISO, mentre la concorrenza (Nero AG) ha oramai inglobato ogni sorta di caratteristica multimediale aggiuntiva dall’utilità alquanto discutibile.

Con BurnAware è dunque possibile creare dischi CD, DVD e Blu-ray di tutti i tipi, con supporto garantito al formato di dischi “millenari” M-Disc, ai dischi avviabili, multisessione, CD-Audio, DVD-Video, Blu-ray Video e via elencando. Alcune caratteristiche sono però disponibili solo nelle versioni a pagamento del tool.

Le funzionalità avanzate di BurnAware permettono di controllare le impostazioni di boot nei dischi di avvio, di modificare le partizioni UDF, i livelli ISO, di selezionare le sessioni nei dischi multi-sessione, di integrare i metadati testuali nelle tracce dei CD-Audio, di recuperare i dati dai dischi illeggibili (nella versione a pagamento) e molto altro ancora.

L’ultima versione di BurnAware distribuita in questi giorni (BurnAware 13.7) aggiunge prima di tutto il supporto al formato APE (.ape), quindi corregge un paio di bug con la fase di burn dei dischi. Presenti inoltre vari miglioramenti per le traduzioni, la creazione delle immagini .bin, la conversione delle tracce audio, la masterizzazione dei dischi DVD-Video e l’interfaccia utente.

Pagina ufficiale del download di BurnAware Free 13.7 per Windows

Ultra HD Blu-ray

News

Blu-ray Ultra HD, Disney smentisce l’abbandono dell’home video

Alfonso Maruccia | 24 Agosto 2020

Blu-ray Cinema Disney Home Video

La smentita di Disney sul possibile abbandono del formato fisico di maggiore qualità è arrivata piuttosto in fretta. La megacorporazione di Topolino continuerà a vendere Blu-ray Ultra HD.

No, Disney non abbandonerà il supporto Blu-ray Ultra HD finché gli appassionati continueranno ad acquistare l’home video in formato fisico. Il megacolosso statunitense ha smentito, a stretto giro di posta, le indiscrezioni delle scorse settimane sulla possibilità di limitare tutte le proprie energie distributive allo streaming proprietario di Disney+.

I dischi Ultra HD Blu-ray rappresentano oggi, senza temere alcuna offerta in streaming disponibile sul mercato, la soluzione in assoluto migliore per godere di film, cartoon e altri prodotti home video al massimo della qualità audio&video in un ambiente di fruizione totalmente personalizzato. Una soluzione che, almeno per quanto riguarda Disney, non è destinata a sparire tanto presto dal mercato.

Disney+ logo

I rumor sul possibile abbandono dei dischi Blu-ray Ultra HD, e addirittura dell’intero mercato dell’home video su supporto ottico da parte di Disney erano emersi da una discussione su Blu-ray.com in merito alla versione 4K UHD di Mamma ho perso l’aereo. Un utente solitamente bene informato sui fatti aveva fatto trapelare la volontà della corporation di abbandonare in maniera sostanziale il formato.

Visto l’impatto che i rumor hanno avuto sulla community di appassionati, alla fine Disney è intervenuta in maniera diretta sulla questione. Una dichiarazione ufficiale rilasciata da un portavoce ha infatti confermato che al momento “non esistono piani” per l’abbandono di un particolare formato di distribuzione.

Disney continuerà a produrre e distribuire dischi Blu-ray Ultra HD, valutando “caso per caso” qual è la strategia migliore per ogni singolo titolo. In pratica non dovrebbe cambiare granché, in futuro, e gli appassionati potranno continuare a godere delle loro versioni UHD domestica di Star Wars, i cinecomic Marvel e magari i tanti classici incluso nel gigantesco catalogo del Moloch hollywoodiano.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.