Android

Google, class action contro l’uso non autorizzato dei dati cellulari

Mountain View accusata di usare senza autorizzazione i dati cellulari degli utenti, in una sorta di sorveglianza permanente per scopi finanziari.

Non bastasse l’accusa del governo statunitense per la violazione delle leggi in difesa della concorrenza, Google deve ora fare i conti con una nuova iniziativa legale dal potenziale altamente distruttivo. Questa volta si tratta di una class action, e coinvolge il presunto regime di sorveglianza “segreta” messo in atto da Mountain View tramite l’OS mobile Android.

Stando alla causa intentata da Joseph Taylor e altri, il sistema operativo mobile comunica con i server di Google in maniera regolare e continuata, e tale comunicazione sfugge completamente al controllo dell’utente. La corporation dell’advertising consumerebbe, senza autorizzazione, una porzione del piano dati su rete cellulare, incurante del fatto che lo smartphone sia connesso a una rete Wi-Fi o meno.

Privacy

Google sarebbe quindi responsabile del “furto” della proprietà dell’utente, ovvero i dati cellulari di cui sopra, e le comunicazioni avrebbero il solo scopo di portare un beneficio finanziario all’azienda. Secondo i test, uno smartphone Android nuovo con un account Google appena registrato trasferisce quasi 9 gigabyte di dati al giorno anche senza alcuna attività da parte dell’utente. In un mese di utilizzo attivo, i server di Google raccolgono 350MB di dati (11,6MB al giorno), ovvero il doppio dei dati raccolti da Apple sugli iPhone.

L’ignoto traffico di dati della sorveglianza permanente di Google potrebbe avere come conseguenza la violazione della privacy dell’utente, ma la class action si concentra specificamente sull’uso non consentito dei dati cellulari con relativo esborso economico non voluto.

Secondo l’accusa, i dati raccolti illegalmente verrebbero impiegati per foraggiare il business dell’advertising di Mountain View, permettendo l’identificazione univoca degli utenti e la generazione di “impressioni” che verranno poi compensate dalle società di advertising. Un modo, per Google, di generare ricavi anche se gli ad non vengono mai visualizzati o consultati dall’utente.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.