Jabra Elite Active 75t

I Jabra Elite Active 75t sono auricolari pensati per le persone attive che praticano sport. Con l'ultimo aggiornamento sono dotati di ANC.

Presentati al CES 2020, gli Elite Active 75t sono la nuova generazione di auricolari true wireless intraurali dedicati da Jabra alle persone più attive. L’azienda danese produce cuffie e dispositivi Bluetooth da più di 25 anni; questi auricolari sono ottimizzati per le esigenze di chi desidera essere immerso nella musica mentre pratica sport. Dal 20 ottobre scorso, inoltre, sono dotati anche della tecnologia ANC attivata sfruttando al massimo il potenziale del SoC integrato. Trovate i dettagli dell’aggiornamento nella nostra prova a questo link.

Come sono fatti

Grazie alla nuova forma più ergonomica della precedente, gli Elite Active 75t restano bene in posizione all’interno dell’orecchio e creano un ottimo isolamento passivo.

Ogni auricolare della serie Elite Active 75t integra due microfoni che servono a catturare la voce in modo chiaro e per la tecnologia HearThroug. Questa permette ai suoni ambientali di filtrare attraverso gli auricolari e risulta particolarmente utile quando, ad esempio, ci si muove per strada; ancora quando occorre mantenere l’attenzione su ciò che accade attorno in ufficio, anche durante una chiamata telefonica o la riproduzione musicale.

Il più grosso limite delle Elite Active 75t – era presente sui modelli precedenti – riguarda l’impossibilità di utilizzare il solo auricolare sinistro in modo indipendente. Questo dipende dal fatto che solo l’auricolare destro gestisce la connessione Bluetooth, il pairing con lo smartphone e la sincronizzazione dell’audio. Ciò significa che oltre a non poter utilizzare l’auricolare sinistro da solo, se pendete quello destro il sinistro diventa un oggetto inutile.

Gli Elite Active 75t sono forniti di una nuova custodia con chiusura magnetica – molto più pratica della precedente – che integra una batteria di ricarica. Jabra dichiara un’autonomia di 7,5 ore che salgono fino a 28 ore se si mettono in conto le ricariche garantite dalla custoria. Questa utilizza un connettore Usb-C molto più pratico di quello micro Usb utilizzato sui modelli precedenti; in alternativa è possibile optare per la custodia compatibile per con i sistemi di ricarica wireless. All’intento della confezione trovate una serie di capsule in silicone per adattare al meglio gli auricolare alla forma del vostro orecchio e un cavetto Usb. Questo serve sia per alimentare la custodia sia per eseguire gli aggiornamenti del firmware degli auricolari collegandoli a un computer.

All’interno dei piccoli auricolari è presente il SoC audio Qualcoom della serie QCC5126 che garantisce un’elevata qualità del suono combinata con una lunga durata della batteria grazie alla bassissima potenza assorbita.
All’interno dei piccoli auricolari è presente il SoC audio Qualcoom della serie QCC5126 che garantisce un’elevata qualità del suono combinata con una lunga durata della batteria grazie alla bassissima potenza assorbita.

Come suonano?

Per quanto riguarda la qualità audio, gli Elite Active 75t propongono in versione sportiva i grandi passi avanti fatti con versione standard Elite 75t. Oltre a un miglioramento globale rispetto ai modelli precedenti cambia anche il bilanciamento dell’equalizzazione di fabbrica. I modelli precedenti spingevano sulle frequenze della metà alta dello spettro sonoro, mentre le frequenza basse e medio basse avevano poco carattere e dettagli scarsi.

Gli Elite Active 75t sono quasi l’opposto: le basse frequenze e quelle medio basse sono enfatizzate e riescono a dare maggiore rotondità all’audio. Il soundstage è caratterizzato da frequenze medie e alte meno presenti; questo può creare un suono ovattato con generi musicali dove il basso o la cassa della batteria troppo enfatizzati possono sovrastare completamente le alte frequenze; il fenomeno si avverte maggiormente con file audio con una dinamica carente.
Con questo prodotto è essenziale scegliere i cappucci in silicone della misura corretta; da una lato si migliora la stabilità dell’auricolare all’interno dell’orecchio soprattutto durante i movimenti causati dall’attività sportiva. In secondo luogo solo raggiungendo il corretto isolamento passivo si riesce a godere appieno della qualità audio degli Elite Active 75t.

Se li indossate in modo lasco la qualità e la potenza del suono decade in modo rapido e drammatico; i bassi risultano quasi assenti e nel complesso l’audio risulta povero, un po’ come ascoltare la musica da una vecchia radiolina portatile.

Nell’uso pratico i Jabra Active 75t regalano grandi soddisfazioni. In primis, il design compatto e che non sporge dall’orecchio è ottimo quando si pratica sport all’aperto anche alle basse temperature. Già perché il loro ingombro ridottissimo permette di indossare un berretto per proteggersi dal freddo senza alcun fastidio o pressione aggiuntiva sull’orecchio. Gli auricolari sono piuttosto stabili durante la pratica sportiva, anche se non siamo al livello di quelli dotati di archetto sovraurale.

Cancellazione del rumore

I Jabra Elite Active 75t sono nati sprovvisti di cancellazione attiva del rumore, ma sono e sono stati uno dei prodotti migliori in commercio senza ANC per qualità dell’isolamento passivo. Quest’ultimo, quando si sceglie la misura corretta dei cappucci intraurali, è così buono che riesce a eliminare gran parte del rumore di sottofondo.

Dopo l’aggiornamento del firmware, all’interno del software Jabra Sound+ sarà disponibile la nuova voce Cancellazione attiva del rumore.
Dopo l’aggiornamento del firmware, all’interno del software Jabra Sound+ sarà disponibile la nuova voce Cancellazione attiva del rumore.

Con il nuovo firmware è stato attivato un algoritmo in grado di sfruttare al massimo potenza di calcolo del SoC e le funzioni della piattaforma hardware per offrire la funzione di riduzione attiva del rumore. Pur non essendo allo stesso livello delle tecnologie ANC ibride, quella frontfeedback adottata in questo caso è comunque molto buona.

Uno delle funzioni più interessanti offerte da Jabra è quella HearThrough; quando attiva l’audio esterno è catturato dai microfoni e riprodotto dagli auricolari insieme all’eventuale audio in riproduzione. Si tratta di una funzione presente su tutti gli auricolari con cancellazione attiva del rumore e in questo caso è possibile regolare il livello di trasparenza verso l’audio ambientale.

La tecnologia HearThrough è particolarmente utile quando si pratica sport all’aria aperta in modo da percepire l’ambiente circostante, il sopraggiungere di autoveicoli o altri rumori importanti per la propria sicurezza.

La funzione Soundscape presente nella modalità d’uso focus permette di riprodurre suoni di sottofondo di vario genere il cui scopo è quello fornire un aiuto a concentrarsi e mascherare il rumore esterno residuo che non può essere eliminato con il solo isolamento passivo offerto da questi auricolari.

Connessione a dispositivi Apple e Android

Tutte le funzioni avanzate dei dispositivi Jabra sono controllate dall’app Sound+ disponibile sia sull’App Store di Apple sia sul Play Store di Google. Una volta collegati gli auricolari attraverso il pannello di controllo Bluetooth del vostro smartphone, potete utilizzare l’app per configurare i parametri di equalizzazione – su cinque bande – che possono essere associati a tre diverse modalità d’uso: predefinito (musica), pendolare (viaggio) e focus (ufficio).

Per ogni profilo è possibile selezionare una tra sei impostazioni di equalizzazione predefinite – parlato, aumenta bassi, aumenta acuti, semplice ed energica – oppure salvare più profili personalizzati. Sempre nelle impostazioni avanzate di ogni modo d’uso è presente un pannello per configurare la risposta degli auricolari durante una chiamata. Potete scegliere il livello con il quale sentire la vostra voce attraverso gli auricolari (ricordiamo che essendo di tipo in ear isolano molto dai suoni ambientali) e se enfatizzare gli acuti o i bassi della voce dell’interlocutore.

L’equalizzatore musicale dell’app Sound+ offre sei profili preconfigurati: predefinito, parlato, aumenta bassi, aumenta acuti, semplice e energizza. Il profilo semplice aumenta i medio-bassi e tagli i medio-alti, mentre quello energizza esalta bassi e alti tagliando le frequenze medie. L’app Sound+ permette di attivare e disattivare la funzione HearThrough. Quando attiva l’audio esterno è catturato dai microfoni e riprodotto dagli auricolari insieme all’eventuale audio in riproduzione. La funzione Soundscape permette di riprodurre una selezione di ambientazioni e rumori che possono facilitare la concentrazione o aggiungere un po’ di rumore quando ci si trova in un ambiente troppo silenzioso.
L’equalizzatore musicale dell’app Sound+ offre sei profili preconfigurati: predefinito, parlato, aumenta bassi, aumenta acuti, semplice e energizza. Il profilo semplice aumenta i medio-bassi e tagli i medio-alti, mentre quello energizza esalta bassi e alti tagliando le frequenze medie. L’app Sound+ permette di attivare e disattivare la funzione HearThrough. Quando attiva l’audio esterno è catturato dai microfoni e riprodotto dagli auricolari insieme all’eventuale audio in riproduzione. La funzione Soundscape permette di riprodurre una selezione di ambientazioni e rumori che possono facilitare la concentrazione o aggiungere un po’ di rumore quando ci si trova in un ambiente troppo silenzioso.

Tra le funzioni accessorie trovate anche quella Find My Jabra: questa salva la posizione Gps degli auricolari nel momento in cui questi si disconnettono dallo smartphone. L’app mantiene solo la posizione più recente ed elimina di volta in volta quella precedente. Nessuna preoccupazione, quindi, per quanto riguarda eventuali tracciamenti degli spostamenti; Find My Jabra può rivelarsi utile se dimenticate da qualche parte gli auricolari quando non li indossate.

Jabra Elite Active 75t
Euro 199,99
Pro
Ottimo isolamento passivo dai rumori esterni / Buona qualità audio / Adatti allo sport
Contro
Non è possibile utilizzare l’auricolare sinistro da solo

PCProfessionale © riproduzione riservata.
RASSEGNA PANORAMICA
Stelle
Giornalista con background in Ingegneria Aerospaziale. Appassionato di tecnologia, fotografia e viaggi nelle terre fredde.