Logo OpenSilver

OpenSilver, la reincarnazione open di Silverlight

Microsoft Silverlight ha abbandonato le scene prima del Flash Player, ma ora c’è chi propone una via d’uscita agli sviluppatori con OpenSilver. Le app Silverlight possono tornare a funzionare nei browser moderni grazie a WebAssembly.

Nato come un potenziale concorrente di Adobe Flash, Microsoft Silverlight ha subito lo stesso destino sia in fatto di vulnerabilità di sicurezza che di obsolescenza. Anzi, alla tecnologia per le “rich Internet application” di Redmond è andata persino peggio visto che il plugin corrispondente è stato deprecato con due anni di anticipo rispetto al Flash Player.

Silverlight non ha mai conosciuto lo stesso livello di popolarità di Flash, ma l’interesse per la oramai defunta tecnologia è stato a quanto pare sufficiente a promuove un’iniziativa di “salvataggio” delle relative app fuori tempo massimo. L’ancora di salvezza per gli sviluppatori Silverlight si chiama OpenSilver, e mira a reimplementare il plugin Microsoft in una forma moderna e compatibile con i browser più recenti.

Silverlight

OpenSilver è una tecnologia open source che non richiede plugin esterni, affidandosi piuttosto alle proprietà taumaturgiche di WebAssembly per reimplementare il codice nativo di Silverlight (C#, XAML, .NET) in una forma più facilmente digeribile dai browser moderni. Dovunque ci sia il supporto per WebAssembly, le app OpenSilver dovrebbero poter girare senza particolari problemi.

Nato per iniziativa di Userware, società francese specializzata in tecnologie Microsoft, OpenSilver include al momento il supporto per il 60% delle API Silverlight. Per ora OpenSilver è disponibile in forma di preview, e permette agli sviluppatori di ricompilare il loro codice come app WebAssembly. Disponibile anche un servizio di conversione “professionale” e ovviamente a pagamento.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.