ReShade, NVIDIA aggiunge il post-processing personalizzato ai driver GeForce

Sembra proprio che NVIDIA includerà il supporto per ReShade nella prossima versione dei suoi driver per GPU GeForce, una mossa in grado di aprire le porte all’uso di effetti grafici avanzati anche sui giochi che non li prevedono.

La prossima versione dei driver GeForce in arrivo la settimana prossima dovrebbe includere una novità inaspettata, vale a dire il supporto nativo per il post-processing avanzato di ReShade. In teoria, i possessori di GPU NVIDIA avranno dunque accesso a tutta una serie di effetti per abbellire o migliorare la grafica 3D nei giochi direttamente a livello di driver e senza la necessità di copiare DLL a destra e a manca.

Le librerie di ReShade permettono di cambiare la grafica dei giochi DirectX (o anche OpenGL/Vulkan) tramite effetti e filtri personalizzati, modificando ad esempio i colori e i livelli di saturazione oppure implementando funzionalità di post-processing avanzate (con un peso più o meno percepibile sulle prestazioni e i frame al secondo) non previste dai programmatori del gioco originale come antialiasing SMAA, occlusione ambientale, depth of field e molto altro ancora.

ReShade su GPU NVIDIA Geforce

La lista dei giochi compatibili con il funzionamento di ReShade è già corposa e include titoli vecchi e nuovi, mentre l’implementazione delle librerie a livello di driver dovrebbe rendere più facile l’uso del post-processing personalizzato anche a chi non ha fin qui sentito l’esigenza di una tale opzione. NVIDIA implementerà ReShade tramite Freestyle, funzionalità integrata nel pacchetto GeForce Experience installabile assieme ai driver per GPU GeForce.

I prossimi driver GeForce arriveranno in concomitanza con il debutto sul mercato della nuova GeForce GTX 1660 in variante “Super”, e per quanto riguarda ReShade non sembra prevista un’implementazione completa di tutte le funzionalità del tool. Al momento NVIDIA parla infatti di “centinaia di filtri” disponibili ma esclude l’aggiunta degli effetti di post-processing più impegnativi ed elaborati.

PCProfessionale © riproduzione riservata.