8Chan

Cloudflare termina la connessione a 8chan, il forum usato dai terroristi americani

Il servizio di CDN Cloudflare ha annunciato la fine del contratto con 8chan, una mossa “censoria” senza precedenti giustificata dalle stragi compiute in questi giorni dai fanatici terroristi sul suolo statunitense.

Cloudflare ne ha avuto abbastanza di 8chan, famigerato forum di “discussione” su cui hanno fin trovato posto i messaggi di odio e razzismo più sfrenati in lingua inglese. Il sito è stato utilizzato anche dal 21enne responsabile della recente strage compiuta in un grande magazzino Walmart di El Paso, nel Texas, la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso costringendo il servizio di CDN (Content-Delivery Network) a terminare il servizio di hosting e protezione sin qui garantito al forum.

Il terrorista statunitense ha ucciso 20 persone, e secondo quanto comunica Cloudflare sarebbe stato “ispirato” dal forum di 8chan postando infine un “proclama” di odio sullo stesso sito immediatamente prima di mettere in atto il suo progetto stragista.

USA, bandiera, armi

Non si tratta di un incidente isolato, ha spiegato il CEO di Cloudflare Matthew Prince, visto che 8chan è notorio per ospitare e “glorificare” i messaggi deliranti dei terroristi di estrema destra come quello responsabile della strage di 49 persone in Nuova Zelanda, qualche mese fa. Di fatto, 8chan ha dimostrato più e più volte di essere una “cloaca ripiena d’odio” assolutamente al di fuori di qualsiasi legge, motivo per cui Cloudflare ha deciso di terminare il servizio spingendo il forum di “discussione” off-line.

Gli amministratori di 8chan offrono ovviamente una visione diametralmente opposta a quella di Cloudflare, invocando la più totale libertà di parola e contrastando la censura on-line per qualsiasi tipo di discussione – anche le più odiose o addirittura coinvolte in stragi terroristiche come quelle sempre più frequenti sul suolo statunitense.

Gli admin si sono subito attivati per riportare 8chan on-line, un tentativo che li ha inizialmente portati verso BitMitigate – un provider noto per il suo approccio particolarmente libertario all’hosting di siti e board di discussione nel mirino come Daily Stormer. Ma anche la soluzione BitMitigate è presto evaporata riportando off-line 8chan e il succitato Daily Stormer, e ora gli amministratori del forum “senza legge” dicono di essere al lavoro per far rinascere ancora una volta il servizio. In un modo o nell’altro.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.