Zoom

Hacker e criminali all’attacco delle videoconferenze di Zoom

Zoom è una delle piattaforme di videoconferenza più popolari al momento, e un bersaglio sempre più interessante per hacker e cyber-criminali.

Il regime di quarantena domestica imposto dall’epidemia di COVID-19 ha provocato un’autentica esplosione di popolarità per le app e le applicazioni di meeting e videoconferenza da remoto, e Zoom si trova esattamente al centro di un fenomeno che fa gola anche ai criminali informatici.

Disponibile per PC, gadget mobile e telefonia, Zoom è un sistema di videoconferenza e videochiamate basato su cloud che al momento conta qualcosa come 13 milioni di utenti registrati; nel 2019 il servizio aveva aggiunto 1,99 milioni di nuovi utenti, mentre nei primi mesi del 2020 ha già superato quota +2,22 milioni.

hacker-periodo-natalizio-device-esposti-rischi

Stando a un recente rapporto di Check Point Software, l’aumento di popolarità di Zoom non è certo passato inosservato nell’underground dei criminali informatici: nelle ultime settimane i nuovi domini riferiti alla app per videoconferenze hanno raggiunto quota 1.700, il 25% dei quali registrato solo nell’ultima settimana. Una parte dei domini è risultata essere “sospetta”, mentre in alcuni casi sono stati individuati software propriamente malevoli come InstallCore.

Non di solo Zoom vive la videopresenza remota al tempo della pandemia da COVID-19, e anche altre popolari piattaforme di collaborazione come Google Classroom e Microsoft Teams sono attivamente prese di mira dai cyber-criminali sempre in linea con le ultime “tendenze” del mercato.

La proliferazione del coronavirus SARS-CoV-2 coinvolge oramai in pieno il mondo dell’hi-tech e del business telematico mondiale, e anche il “papà” di Internet (e creatore del protocollo TCP/IP) Vint Cerf è risultato positivo al tampone per il COVID-19. Il tecnologo 76enne ha confermato di essere infetto ma anche di essere già in fase di recupero.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.