Casa Bianca

Elezioni USA, hacker russi contro il candidato democratico Joe Biden

I soliti guastatori al soldo del Cremlino avrebbero già da tempo preso di mira la campagna del candidato democratico alla presidenza USA Joe Biden, avverte Microsoft. I tentativi di infiltrazione sono stati fin qui un fiasco.

Dopo l’attacco contro il Comitato Democratico Nazionale (DNC) del 2016, e la conseguente fuoriuscita delle e-mail riservate dello staff di Hillary Clinton, una nuova cyber-campagna è attualmente in corso contro Joe Biden. I responsabili sono sempre loro: gli hacker russi appartenenti al famigerato gruppo noto come Fancy Bear, al soldo diretto dell’intelligence moscovita e quindi del Cremlino di Vladimir Putin.

A lanciare l’allarme sull’ennesimo tentativo di interferenza russa nelle elezioni presidenziali USA è stata Microsoft, che ha allertato una delle società impegnate nella campagna di Joe Biden (candidato democratico alla Casa Bianca come democratica era Hillary Clinton). L’obiettivo degli hacker black hat di Fancy Bear è SKDKnickerbocker, agenzia di comunicazione con sede a Washington.

Fancy Bear

I cyber-guastatori russi avrebbero preso di mira la società statunitense già da due mesi, provando a utilizzare varie tecniche di phishing nel tentativo di compromettere la rete aziendale e trafugare i dati. L’infrastruttura è a quanto pare ben difesa, conferma Microsoft, quindi i tentativi di attacco hanno finora fatto solo fiasco.

Nel 2016 i criminali riuscirono a giocare un ruolo da protagonisti nella campagna presidenziale americana, un evento ampiamente confermato dall’investigazione speciale condotta da Robert Mueller e dal Comitato sull’Intelligence del Senato americano.

Le elezioni del 2016 portarono, com’è tristemente noto al mondo intero, all’elezione di Donald Trump come 45esimo presidente degli Stati Uniti. Trump è da sempre un grande fan di Putin e dei peggiori dittatori mondiali, come lui stesso ha confermato. Altri 4 anni di Trump alla Casa Bianca sarebbero a quanto desiderabili anche dalle parti del Cremlino.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.