DOOM

Bethesda aggiorna Doom e Doom II a 30 anni dall’uscita

Il publisher statunitense ha approntato nuove modifiche al vecchio codice dei due Doom usciti negli anni ’90, con miglioramenti minori ma anche un upgrade sostanziale all’engine grafico.

Accanto alla popolarissima incarnazione moderna nota come DOOM Eternal, la saga di Doom può ancora contare su un vasto pubblico di appassionati che passa il proprio tempo nel mondi pixellati dei due giochi originali. Doom e Doom II sono arrivati sul mercato negli anni ’90, e Bethesda dimostra di non voler dimenticare un così importante retaggio offrendo supporto anche a 30 anni di distanza.

Il publisher americano ha in questi giorni annunciato la distribuzione di un nuovo aggiornamento per Doom e Doom II, un update che non modifica in maniera sostanziale l’FPS primigenio ma aggiunge alcuni correttivi in grado di rendere più moderna l’esperienza videoludica classica.

Il primo e più importante miglioramento apportato ai due Doom classici è il supporto nativo per il rendering in 16:9, dice Bethesda, una novità assoluta per un port ufficiale dell’engine originale. Aggiunto anche il supporto per DeHackEd, popolare editor in grado di modificare in vari modi l’eseguibile per DOS.

Parlando di DOS, su PC (e su Steam) è sempre disponibile la versione classica di Doom e Doom II accanto alla nuova release aggiornata. Bethesda ha in questo caso aggiunto anche un mirino opzionale, un nuovo schema di controlli touch e il supporto per i controller (iOS), un limitatore di FPS, una nuova modalità di gioco “Ultra-Violence+” e tante altre modifiche minori.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.