Windows 10

Windows

Come personalizzare Windows Explorer con le scorciatoie da tastiera

Alfonso Maruccia | 19 Novembre 2018

Software Windows

La visualizzazione dei file dalla shell di Windows 10 può essere facilmente adattata alle esigenze di ogni utente (o a […]

La visualizzazione dei file dalla shell di Windows 10 può essere facilmente adattata alle esigenze di ogni utente (o a quelle specifiche per ogni cartella) con la giusta combinazione di tasti.

Con l’arrivo di Windows 10, la shell grafica del sistema operativo ha cambiato nome e si è guadagnata qualche nuova funzionalità piuttosto utile per chi si trova a gestire file in grandi quantità e di tipologie sempre diverse. Indicata ora come File Explorer rispetto al più tradizionale Windows Explorer, la shell dell’OS-come-servizio include ad esempio alcune scorciatoie da tastiera con cui è possibile modificare al volo il modo in cui vengono visualizzati i file nella cartella attualmente in evidenza.

Le due scorciatoie “basilari” vengono indicate in basso a destra in ogni finestra del file manager, e corrispondono a Ctrl+Shift+6 e Ctrl+Shift+2: la prima scorciatoia “visualizza informazioni su ogni elemento della finestra”, attivando in pratica la visualizzazione dei file in forma di elenco con tanto di informazioni sulla data dell’ultima modifica e le dimensioni di ciascun file; la seconda passa alla visualizzazione con “anteprime grandi” di ogni file, dove la presentazione delle icone e dei nomi dei file ha il sopravvento sui dettagli.

Oltre a queste due opzioni fondamentali, è possibile unire la combinazione di base Ctrl+Shift con un numero da 1 a 8 per abilitare le diverse visualizzazioni disponibili su File Explorer/Windows Explorer come indicato anche tra le opzioni grafiche della shell di Windows 10.

Windows Explorer - screenshot 4

Oltre alla visualizzazione delle informazioni (Ctrl+Shift+6) e quella con le anteprime dei file (Ctrl+Shift+2), tra le tante opzioni disponibili la nostra preferita è la visualizzazione per “contenuto” (Ctrl+Shift+8): una scelta utilissima se ad esempio vogliamo conoscere l’autore (o gli autori) di una serie di documenti Word, oppure se vogliamo avere una visione d’insieme delle risoluzioni e delle dimensioni in una cartella occupata da soli file grafici (se il loro formato è ovviamente supportato in maniera nativa dal sistema operativo).

 

Potrebbe interessarti anche:

Come abilitare le estensioni dei file su Windows 10

Come usare il riquadro di Anteprima su Windows Explorer

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.