Cloud minaccioso

Servizi

Amazon AWS va giù, e Internet segue a ruota

Alfonso Maruccia | 26 Novembre 2020

Amazon Cloud Internet

I server di Amazon AWS sono finiti offline per qualche ora, scatenando il caos per mezza Internet. L’inaffidabilità del cloud è sempre una garanzia di insuccesso.

Il cloud computing promette l’infinito e oltre, ma nella realtà dei fatti i servizi telematici sono in grado di garantire solo l’inaffidabilità sul lungo periodo e l’inosservanza di qualsiasi promessa fatta agli utenti o ai clienti finali. Quando poi il cloud va offline, l’innumerevole schiera di servizi di rete che si è legata mani e piedi ai server di qualcun altro non può che seguire a ruota.

È quanto ad esempio capitato nella giornata di ieri, quando Amazon AWS (Amazon Web Services) ha sperimentato un grave disservizio e un periodo di inaccessibilità protrattosi per alcune ore. Poco tempo, insomma, che è stato però sufficiente a tagliare le gambe a decine e decine di siti e servizi Web.

Amazon AWS

Una porzione di Internet è finita offline assieme alla piattaforma di computing distribuito gestita da Amazon, e tra chi si è lamentato dei disservizi (via Twitter) ci sono 1Password, Acorns, Adobe, Autodesk, iRobot, Flickr, il Washington Post e tanti altri nomi noti. Significativo l’aumento del traffico utente riferito da Downdetector, sito specializzato nel monitoraggio dei servizi di rete irraggiungibili.

Amazon ha risolto definitivamente il problema solo nella mattinata di oggi, confermando che tutti i servizi di AWS erano tornati alla piena operatività sulla Dashboard ufficiale. La corporation di Jeff Bezos dice di aver individuato la causa principale del disservizio e di aver intrapreso azioni “immediate” per risolverlo. In attesa del prossimo disservizio nel cloud che butterà giù una porzione ancora più estesa di Internet.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.