Mozilla Thunderbird

Thunderbird, un 2019 carico di novità

Mozilla ha anticipato quel che aspetta gli utenti di Thunderbird nel corso dell’anno appena cominciato, con novità riguardanti l’interfaccia, le performance e tutto quanto. Aumentano le donazioni, di conseguenza aumentano anche i programmatori al lavoro sul codice.

Dopo aver passato un periodo a dir poco burrascoso e con un futuro privo di certezze, Thunderbird si appresta finalmente a vivere un anno di relativa tranquillità: il popolare client di posta elettronica è tornato tra le braccia di Mozilla, che ora pianifica di svecchiare in maniera sensibile il suo codice anche grazie a nuovi sviluppatori a tempo pieno e al contributo economico delle donazioni.

L’ultimo aggiornamento di Thunderbird risale allo scorso agosto con Thunderbird 60, spiega Mozilla, una release a supporto esteso (ESR) contenente miglioramenti sul fronte della sicurezza, la stabilità e l’interfaccia del software. Il 2019 segnerà l’arrivo di modifiche e aggiornamenti ancora più corposi, promette la fondazione statunitense.

E-mail

Le future versioni di Thunderbird potranno infatti contare su un codice molto più performante, con una UI più reattiva e la correzione dei lag sin qui sperimentati dagli utenti nell’uso del programma; cambierà (ancora) l’interfaccia, ovviamente nel rispetto dei nuovi principi di design messi assieme da Mozilla, così come miglioreranno il supporto nativo di Gmail e l’integrazione con le notifiche dei diversi sistemi operativi supportati.

Un altro ambito in cui Mozilla intende portare miglioramenti sostanziali è quello della crittografia e delle e-mail cifrate, una tecnologia che dovrebbe “semplicemente funzionare” senza imporre all’utente di usare interfaccia complicate o di rinnovare un certificato di sicurezza. Un elenco (provvisorio e in divenire) di tutte le novità che Mozilla ha pianificato per Thunderbird è consultabile sulla mailing list ufficiale.

La community di Thunderbird è in crescita cosi come sono aumentate (nel 2018) le donazioni per lo sviluppo del programma, dice ancora Mozilla, ed è anche per questo che lo staff impegnato a tempo pieno sul codice del mail client è cresciuto e crescerà ancora: al momento ci sono 8 sviluppatori attivi, e nel corso dell’anno questo numero dovrebbe salire a 14.

PCProfessionale © riproduzione riservata.