Blame! (Tsutomu Nihei)

TOA Heavy Industries, font cyberpunk dal mangaka Tsutomu Nihei

Autore di manga sci-fi cult, Tsutomu Nihei ha ora sviluppato un font TrueType chiamato TOA Heavy Industries. In arrivo su PC e Mac in autunno.

Tsutomu Nihei è un mangaka specializzato in cyberpunk e fantascienza, un autore che nel corso degli anni si è guadagnato un certo seguito grazie alla realizzazione di manga cult come Blame! (pronunciato onomatopeicamente “blam”), la space opera Knights of Sidonia e altri. Nihei ha studiato architettura e design, una expertise che traspare in tutte le sue opere e che ora l’autore metterà a frutto con la realizzazione di un font per computer.

In arrivo nell’autunno del 2020 a un prezzo ancora da definire, il font TrueType di Nihei-sensei si chiamerà TOA Heavy Industries, includerà sia i caratteri Kanji che non-Kanji e sarà compatibile con Windows 8.1/10 e Mac OS X 10.9. Oltre alla versione “standard” è prevista anche un’edizione speciale “limitata” nota come Toa Heavy Industries GRUNGE.

Font TOA Heavy Industries

TOA Heavy Industries non è un nome scelto a caso, ma piuttosto l’ennesima auto-citazione di un autore che ama tantissimo infilare temi ricorrenti in tutti i suoi lavori: si chiama Toha Heavy Industries una delle due aziende produttrici di mecha e tecnologia avanzata di Knights of Sidonia, e Toha Heavy Industries svolge anche un ruolo importante nel mondo silenzioso e apparentemente alieno di Blame!

Oltre al font per computer, Nihei ha deciso di trasportare il “personaggio” di TOA Heavy Industries dalla pagina stampata dei manga alla realtà: si chiama “TOA Heavy Industries LLP” la joint venture avviata dal mangaka assieme a allo studio produttore di anime Polygon Pictures, e avrà il compito di realizzare lavori di design per il settore alimentare, videoludico e per altri tipi di industrie.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.