Ultra HD Blu-ray

News

Ultra HD Blu-ray, Disney dice addio all’home video?

Alfonso Maruccia | 12 Agosto 2020

Disney Home Video Streaming

Il megamonopolio di Topolino avrebbe deciso di chiudere i ponti con l’home video in Ultra HD/4K. Il supporto fisico non “tira” quanto lo streaming di Disney+, anche se le vendite sono in crescita.

Una notizia a suo modo clamorosa arriva dal mondo di Hollywood, e da Walt Disney Studios in particolare. Il moloch dell’intrattenimento a stelle e strisce avrebbe deciso di riconsiderare, ovvero di abbandonare lentamente, la distribuzione in formato Ultra HD Blu-ray dell’enorme catalogo di film a sua disposizione.

Si tratta, è bene dirlo, di indiscrezioni non confermate, che tra l’altro aprono paradossalmente la porta a un’espansione delle release Disney piuttosto che il contrario. Oggi il formato fisico Ultra HD Blu-ray rappresenta la scelta migliore in assoluto per qualità e personalizzazione dell’esperienza di intrattenimento domestico, ma Disney vorrebbe invece concentrare i suoi sforzi distribuitivi solo sui cinema e quindi sullo streaming proprietario di Disney+.

Disney+ logo

Le release fisiche in 4K/Ultra HD del prossimo futuro sarebbero limitate a qualche titolo già in programma e all’esigenza di “fare contento” James Cameron, dicono i rumor, con la possibile distribuzione delle nuove versioni ultra-definite di Aliens, Avatar, True Lies e The Abyss. Per il resto, Disney vorrebbe limitare le uscite home video a quelle esperienze in grado di spingere gli abbonamenti di Disney+ e i biglietti per i parchi a tema.

Sempre secondo i rumor, Disney potrebbe valutare l’idea di fornire l’accesso al suo catalogo a studios ancora impegnati nel mercato home video come Criterion, Shout Factory e Arrow. Le release 4K marcate Disney potrebbero in tal senso aumentare, piuttosto che diminuire, mentre il mercato dell’home video ha registrato una crescita importante in concomitanza con la pandemia di COVID-19.

Disney+ logo

Servizi

Disney+, oltre 73 milioni di abbonati per il futuro della casa di Topolino

Alfonso Maruccia | 16 Novembre 2020

COVID-19 Disney Mercato Streaming

Il mega-conglomerato dell’intrattenimento statunitense da i numeri, confermando il successo senza precedenti dell’operazione Disney+. Il futuro del business è l’offerta diretta ai consumatori.

Anche se la prospettiva di un vaccino lascia intravedere un futuro meno condizionato dalla pandemia di COVID-19, il business dello streaming diretto al grande pubblico è sempre più importante per colossi come Disney. La mega-corporazione di Topolino conferma la popolarità di Disney+ nel suo ultimo report finanziario, parlando di un successo senza precedenti per un servizio nato appena un anno fa.

Stando a quanto comunicato assieme ai dati sul quarto e ultimo trimestre dell’anno fiscale di Disney, infatti, Disney+ poteva vantare 73,7 milioni di utenti paganti al 3 ottobre 2020. In precedenza, Disney aveva comunicato il raggiungimento del traguardo dei 60 milioni di abbonati nel mese di agosto.

Disney+ - Marvel

L’exploit di Disney+ si accompagna ai risultati “migliorati” di Hulu e ESPN, gli altri servizi di streaming di proprietà di Disney che possono contare rispettivamente su 36,6 milioni e 10,3 milioni di spettatori. L’intero settore dell’offerta diretta ai consumatori è cresciuto del 41% in un anno fino a $4,9 miliardi, dice Disney, ma nel complesso la corporation ha registrato una perdita operativa di $580 milioni.

Si tratta in ogni caso di risultati in miglioramento, che la corporation attribuisce alla crescita di Hulu e ESPN+ contro i maggiori costi di gestione di Disney+. Il business dei parchi a tema è in fortissimo stress, per non parlare di quello delle produzioni cinematografiche, e i ricavi totali del quarto trimestre del 2020 scendono a $14,7 miliardi contro i 19,1 miliardi del 2019. Disney+ e gli altri servizi diretti al consumatore rappresentano il futuro dell’azienda, ha confermato il CEO di Disney Bob Chapek.

Cinema

News

AMC: i cinema americani finiranno i soldi entro pochi mesi

Alfonso Maruccia | 16 Ottobre 2020

Cinema COVID-19 Disney Streaming

La catena di sale cinematografiche AMC lancia l’allarme: con l’attuale progressione della pandemia di COVID-19, le riserve di denaro contante finiranno entro la fine del 2020. Il futuro del cinema è sempre più incerto.

La pandemia di COVID-19 ha reso gli ultra-ricchi dell’hi-tech ancora più assurdamente ricchi, ma c’è un settore che al contrario potrebbe non sopravvivere all’impatto della proliferazione del virus SARS-CoV-2. I cinema di AMC, ad esempio, finiranno i soldi disponibili di qui a breve e andranno sostanzialmente falliti.

AMC Theaters possiede la più grande catena cinematografica al mondo, gestendo solo negli USA circa 600 diverse sale. Al 9 ottobre, circa 500 di queste strutture sono state riaperte ma funzionano a capacità estremamente ridotta (tra il 20 e il 40%). La clientela si è ridotta a 2,2 milioni, conferma AMC, con una riduzione dell’85% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Le major di Hollywood hanno rimandato la quasi totalità delle uscite al 2021 o persino oltre, e non ha certo aiutato il fatto che i mercati americani più lucrativi (California, New York, Washington) siano ancora chiusi. In questo caso, AMC perde il 23% dei ricavi registrati nel 2019.

Coronavirus di Wuhan

Vista la situazione corrente, AMC stima di terminare le riserve di denaro contante entro la fine del 2020. O al più tardi nelle prime settimane del 2021. La corporation aveva di recente provato ad adattarsi alla nuova normalità della pandemia con un accordo con Universal per la distribuzione dei film in digitale, ma la perdurante crisi sanitaria globale accelera un’evoluzione di mercato che sarebbe forse dovuta avvenire più lentamente.

Il futuro, per le major come Disney, è lo streaming e la vendita di contenuti “premium”, con biglietti digitali extra-costosi, tramite Disney+. Il mega-colosso di Topolino ha persino deciso di accelerare in tal senso, decidendo una riorganizzazione produttiva e di distribuzione in grado di slegare la realizzazione dei contenuti (film, serie) dal canale sui cui questi verranno proposti. In parole povere, i prossimi blockbuster cinematografici Disney (e quindi Marvel) potrebbero anche arrivare direttamente su Disney+ senza mai passare per le sale oramai deserte.

Ultra HD Blu-ray

News

Blu-ray Ultra HD, Disney smentisce l’abbandono dell’home video

Alfonso Maruccia | 24 Agosto 2020

Blu-ray Cinema Disney Home Video

La smentita di Disney sul possibile abbandono del formato fisico di maggiore qualità è arrivata piuttosto in fretta. La megacorporazione di Topolino continuerà a vendere Blu-ray Ultra HD.

No, Disney non abbandonerà il supporto Blu-ray Ultra HD finché gli appassionati continueranno ad acquistare l’home video in formato fisico. Il megacolosso statunitense ha smentito, a stretto giro di posta, le indiscrezioni delle scorse settimane sulla possibilità di limitare tutte le proprie energie distributive allo streaming proprietario di Disney+.

I dischi Ultra HD Blu-ray rappresentano oggi, senza temere alcuna offerta in streaming disponibile sul mercato, la soluzione in assoluto migliore per godere di film, cartoon e altri prodotti home video al massimo della qualità audio&video in un ambiente di fruizione totalmente personalizzato. Una soluzione che, almeno per quanto riguarda Disney, non è destinata a sparire tanto presto dal mercato.

Disney+ logo

I rumor sul possibile abbandono dei dischi Blu-ray Ultra HD, e addirittura dell’intero mercato dell’home video su supporto ottico da parte di Disney erano emersi da una discussione su Blu-ray.com in merito alla versione 4K UHD di Mamma ho perso l’aereo. Un utente solitamente bene informato sui fatti aveva fatto trapelare la volontà della corporation di abbandonare in maniera sostanziale il formato.

Visto l’impatto che i rumor hanno avuto sulla community di appassionati, alla fine Disney è intervenuta in maniera diretta sulla questione. Una dichiarazione ufficiale rilasciata da un portavoce ha infatti confermato che al momento “non esistono piani” per l’abbandono di un particolare formato di distribuzione.

Disney continuerà a produrre e distribuire dischi Blu-ray Ultra HD, valutando “caso per caso” qual è la strategia migliore per ogni singolo titolo. In pratica non dovrebbe cambiare granché, in futuro, e gli appassionati potranno continuare a godere delle loro versioni UHD domestica di Star Wars, i cinecomic Marvel e magari i tanti classici incluso nel gigantesco catalogo del Moloch hollywoodiano.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.