Panorama di Marte, rover Curiosity

Video della settimana: Marte come non lo avete mai visto

Il rover Curiosity ha scattato una gigantesca “istantanea” del suolo di Marte. Il Pianeta Rosso presenta caratteristiche che vale la pena studiare in dettaglio – soprattutto per le future missioni con equipaggio umano.

Atterrato sul suolo marziano (nel cratere Gale) il 6 agosto del 2012, il rover Curiosity continua a svolgere diligentemente la propria missione esplorativa grazie a strumenti scientifici, un braccio robotico e a una doppia fotocamera in grado di scattare sequenze (a 10 frame al secondo) in colori visibili e non solo.

Proprio grazie alle sue fotocamere (Mastcam), tra il 24 novembre e l’1 dicembre 2019 Curiosity ha permesso di realizzare uno scatto panoramico dalla risoluzione gigantesca – il più grande fin qui prodotto dice NASA. Composto da 1,8 miliardi di pixel e più di 1.000 immagini individuali, il panorama fotografico è stato poi trasformato in un video commentato nel corso dei mesi successivi.

Come sottolineato da Ashwin Vasavada del Mars Science Laboratory Project, il mega-panorama catturato tramite Mastcam fornisce una visione d’insieme delle caratteristiche tipiche del suolo marziano con terreno brullo e polveroso, costoni di crateri e siti di impatto (asteroidi, comete) dalle dimensioni impressionanti.

Grazie ai dati scientifici e alle immagini raccolte dai tanti strumenti presenti a bordo di Curiosity, gli scienziati NASA stanno in questi anni ammassando un gran numero di informazioni sull’inospitale ambiente di Marte.

L’obiettivo finale è sempre quello: preparare (letteralmente) il terreno per l’arrivo dei primi astronauti in carne e ossa. Il panorama da 2 gigapixel by Curiosity è esplorabile anche in virtualità grazie a un video a 360° pubblicato online da NASA.

PCProfessionale © riproduzione riservata.