Windows 7

Windows 7, il nuovo Highlander dei sistemi operativi per PC?

Microsoft ha deciso di garantire ancora un po’ di “vita” a Windows 7, sistema operativo che ora avrà un anno di supporto gratuito in più (per gli utenti business) e il pieno supporto per i giochi DirectX 12.

Windows 7 è entrato in una fase di lento, lentissimo declino in favore di Windows 10, ma a quanto pare Microsoft non ha fretta di lasciare andare gli utenti dello storico OS al proprio destino: la corporation di Redmond ha esteso ulteriormente il periodo di supporto gratuito per Windows 7, mentre i videogiocatori che non hanno ancora installato Windows 10 potranno trarre vantaggio da un nuovo impegno per l’uso delle DirectX 12 “retro-portate” sul vecchio sistema.

Sulla carta, gli ultimi piani aggiornati di Microsoft per il supporto esteso di Windows 7 – con relativa distribuzione delle patch di sicurezza ogni martedì del meseterminano il prossimo gennaio 2020, data oltre la quale occorrerà pagare profumatamente per continuare a ricevere un supporto dedicato. O forse no, visto che i nuovi piani prevedono un ulteriore anno di supporto gratuito per una specifica categoria di utenza.

I clienti che hanno sottoscritto una licenza a Windows 10 Enterprise E5, Microsoft 365 E5 oppure Microsoft 365 E5 Security, dicono i piani di cui sopra, riceveranno un anno aggiuntivo di supporto gratuito per i sistemi basati su Windows 7 come “bonus”. Il nuovo benefit è parte di un’offerta promozionale partita lo scorso primo giugno e che avrà termine il prossimo 31 dicembre.

Ma le ultime novità di Microsoft per i cocciuti utenti di Windows 7 (che ancora rifiutano l’upgrade a Windows 10) riguardano anche la clientela consumer, e in particolare quella appassionata di videogiochi: dopo i primi passi per retro-portare le DirectX (Direct3D) 12 da Windows 10 a Windows 7, ora Redmond ha pubblicato una nuova guida pensata per supportare il lavoro degli sviluppatori interessati a rendere i loro giochi D3D12 compatibili con Windows 7.

Il supporto ufficiale per il porting di giochi D3D12 su Windows 7 segna l’ennesimo cambio di passo per Microsoft, e l’ammissione di un altro fallimento nel tentativo di forzare la mano alle corporation videoludiche con il supporto delle DirectX 12 limitato a Windows 10. Una mossa che in molti considerano decisamente tardiva, visto il termine del supporto ufficiale di Windows 7 da qui a pochi mesi.

PCProfessionale © riproduzione riservata.