Google Play

Google Play, l’aggiornamento dei film all’Ultra HD è gratuito

Google ha annunciato un’importante novità in arrivo per i film acquistati su Play, che ora prevedono l’aggiornamento automatico alla risoluzione 4K laddove possibile. Ma solo per gli utenti in USA e Canada.

Chi ha investito non pochi danari nell’acquisto di contenuti cinematografici digitali su Google Play accoglierà di certo positivamente l’ultima novità comunicata da Google: il colosso dell’advertising ha deciso di regalare un upgrade di risoluzione ai film già acquistati dagli utenti, con il passaggio automatico alla risoluzione 4K/Ultra HD laddove l’opzione risulti disponibile.

Se gli studios hollywoodiani che partecipano alla piattaforma Play hanno messo a disposizione i film in formato 4K, ha infatti comunicato Google, quei film verranno “upscalati” in automatico e senza alcun costo aggiuntivo nelle librerie multimediali degli utenti. Anche se gli utenti avessero in origine acquistato quei film in formato SD o HD, dice Google, basterà ora accedere alla app Google Play Film per verificare la disponibilità della risoluzione superiore e procedere allo streaming ultra-definito.

Google Play - Film

Google vuole rendere l’opzione 4K – già disponibile da tempo su Google Play – uno standard di fatto per la fruizione dei contenuti su qualunque dispositivo dotato di uno schermo con risoluzione Ultra HD (e ovviamente basato su Android), e anche la decisione di abbassare il prezzo di acquisto dei film 4K presenti su Play va quindi letta in tal senso.

Accedere ai film in 4K dovrebbe essere facile e immediato, sostiene Google, e per tale motivo anche la app Play Film ha ricevuto on un update con l’aggiunta del supporto alla nuova risoluzione sulle Smart TV di Sony (Bravia 4K) e Samsung; per LG il supporto è invece in arrivo. Nessuna informazione, infine, sull’estensione dell’upgrade gratuito al 4K in mercati diversi da quello Nordamericano.

Potrebbe interessarti anche:

Google Play Movies e TV: ora con 4k e realtà  virtuale

Google Play servirà  anche per gestire l’abbonamento a Drive

PCProfessionale © riproduzione riservata.