NVIDIA GeForce RTX 3080

NVIDIA, nel 2021 le GeForce Ampere saranno prodotte da TSMC?

Il lancio di GeForce RTX 3080 e RTX 3090 è stato un mezzo disastro, e NVIDIA già corre ai ripari. Nel 2021 la produzione delle GPU Ampere si trasferirà in larga misura a Taiwan.

Le GeForce RTX 30 basate su architettura Ampere sono le GPU più potenti attualmente in circolazione, ma ben pochi utenti (incluso chi scrive) hanno fin qui avuto la fortuna di poter acquistare un’esemplare di RTX 3080 o RTX 3090. La richiesta è senza precedenti, la produzione non è sufficiente e NVIDIA ha già preparato le contromisure da mettere in campo nel 2021.

Le GPU Ampere per gli utenti consumer sono realizzate su un nodo tecnologico a 8 nanometri nelle fonderie di Samsung, ma tutte le indiscrezioni fin qui circolate lasciano supporre che la resa finale del suddetto nodo produttivo sia decisamente lontana dalla capacità ottimale adeguata alle esigenze commerciali di NVIDIA.

TSMC

Il problema, insomma, non è soltanto l’incredibile domanda dei potenziali acquirenti ma anche l’incapacità di Samsung di produrre e assemblare un numero di schede GeForce pienamente funzionanti, e sufficienti a soddisfare almeno in parte le aspettative del pubblico. Per tale ragione, NVIDIA avrebbe già deciso di passare una parte significativa della produzione di GPU Ampere a TSMC.

La fonderia taiwanese realizzerà le nuove GeForce sul suo ben collaudato nodo produttivo a 7 nanometri, un passaggio che, nella peggiore delle ipotesi, non garantirà aumenti di performance o risparmi energetici particolarmente significativi ma assicurerà una disponibilità di GeForce RTX 3080 e 3090 (e 3070) quantomeno ragionevole in relazione alla domanda.

Il passaggio della produzione da Samsung a TSMC avverrà nel corso dell’anno prossimo, anche se al momento non sono noti dettagli più particolareggiati a riguardo. Con buona pace di chi sperava di poter acquistare una nuova GPU Ampere quantomeno nel corso del prossimo periodo festivo.

PCProfessionale © riproduzione riservata.