Compleanno Gmail

Internet

Come ripulire la barra laterale della Webmail di Gmail

Alfonso Maruccia | 23 Settembre 2020

Gmail Google GUI Posta Webmail

Con poche, semplici modifiche, possiamo rendere l’esperienza di utilizzo di Gmail in versione Web molto più ordinata e organizzata.

Da “semplice” Webmail gratuita in grado di offrire comunicazioni veloci e spazio di archiviazione in gran quantità, Gmail è stata negli anni trasformata in una vetrina raccogliticcia di qualsiasi novità tecnologica sputata fuori dal reparto marketing di Google.

Fortunatamente, almeno per il momento è ancora possibile riportare un po’ di ordine nel caos della Webmail di Mountain View, rendendo l’interfaccia meno oberata di pulsantini e funzionalità di cui, con tutta probabilità, non abbiamo mai sentito necessità quando leggiamo e scriviamo le nostre e-mail via browser.

In precedenza abbiamo già visto come far sparire Google Meet e la chat di Hangouts dalla barra laterale di Gmail, ora procederemo a ripulire ulteriormente l’interfaccia della Webmail da orpelli superflui e scarsamente utilizzati. Una volta aperte le Impostazioni, potremo selezionare la scheda Etichette per comporre la nostra barra laterale ideale.

Gmail, pulizia barra laterale - 1

La prima sezione da ripulire include le Etichette del sistema, con le diverse cartelle per la raccolta delle e-mail. Per ragioni piuttosto autoesplicative, l’unica etichetta che non può essere nascosta è quella della Posta in arrivo. Per il resto, le etichette delle e-mail Speciali, Posticipate, Importanti, Spam, Bozze, Cestino e altre si possono abilitare o disabilitare a piacimento facendo clic sui pulsanti mostra o nascondi (o anche mostra se non letti) corrispondenti. Gli effetti delle modifiche saranno immediati e potranno essere verificati in tempo reale sulla barra laterale a sinistra.

Gmail, pulizia barra laterale - 2

La seconda sezione da ripulire contiene le Categorie, con etichette assolutamente inutili come Social, Forum e Promozioni. Anche in questo caso, basta premere i pulsanti laterali mostra o nascondi per abilitare o disabilitare la categoria corrispondente – con in più un’opzione aggiuntiva dedicata alla visualizzazione nell’elenco dei messaggi.

Gmail, pulizia barra laterale - 3

L’ultima sezione comprende infine le Etichette personalizzate, con le scelte disponibili di default (Lavoro, Personali ecc.) più quelle che avremo eventualmente creato nel corso del tempo. Oltre alla abilitazione/disabilitazione, in questo caso potremo anche (tramite le Azioni in terza fila) modificare un’etichetta o rimuoverla completamente da Gmail.

Gmail, pulizia barra laterale - 4

Una volta completato il lavoro di pulizia, potremo uscire dalle Impostazioni (facendo ad esempio clic su Posta in arrivo) per goderci la nostra nuova esperienza Gmail al netto del marketing, delle chat e degli altri inutili orpelli che poco hanno a che fare con la posta elettronica. Tutte le etichette e le categorie disabilitate saranno sempre richiamabili su schermo, in caso di necessità, aprendo il Menu a scomparsa nascosto dietro il pulsante Altro.

Google logo

Servizi

Google down, servizi offline per un’ora (update)

Luca Colantuoni | 14 Dicembre 2020

Gmail Google YouTube

Tutti i servizi di Google sono rimasti offline per circa 60 minuti tra le 12:55 e le 13:52, ma non è chiaro ancora il motivo di questo blackout.

Pochi minuti prima delle 13:00 (ora italiana) si è verificato un improvviso blackout dei servizi Google. Le segnalazioni, giunte da numerosi utenti in varie parti del mondo, hanno riguardano soprattutto Gmail, ma il problema ha interessato tutti i servizi offerti dall’azienda di Mountain View. Dopo circa un’ora è stato ripristinato il normale funzionamento. Al momento non è nota la causa del blackout.

Come si può vedere nella pagina dello stato, il problema ha colpito tutti i servizi più popolari: Gmail, Drive, Calendario, Documenti, Fogli, Presentazioni, Chat, Meet, Maps e Classroom. La pagina di dettaglio di ogni servizio riporta esattamente la stessa cronologia degli eventi. Questo è lo screenshot per Gmail:

Google down - Gmail

Google ha preso conoscenza del blackout alle ore 12:55. Il ripristino dei servizi è iniziato alle ore 13:31 per terminare alle ore 13:52. Gli utenti italiani sono stati abbastanza “fortunati”, in quanto il problema si è verificato in un orario solitamente dedicato alla pausa pranzo. Ma in altri paesi ha causato un fastidio maggiore, soprattutto per lavoratori e studenti che sfruttano i servizi di Google per lo smart working e la didattica a distanza.

Come sempre accade in questi casi, i vari social network (in particolare Twitter) sono stati invasi da lamentele e meme con hashtag molto popolari, tra cui #googledown, #gmaildown e #youtubedown. Oltre ai classici messaggi di errore, su Google Meet sono apparse schermate con messaggi piuttosto insoliti (ad esempio “Il vostro amico hacker ha pensato di anticipare le vacanze“). Probabilmente qualcuno ha “bucato” il servizio durante il blackout.

Alle 14:31 è stato pubblicato un nuovo aggiornamento per Gmail che indica ulteriori problemi di latenza elevata. Google ha risolto l’inconveniente in circa 25 minuti.

Gmail problema

Restiamo in attesa di eventuali chiarimenti sulle cause. Il consiglio è quello di non utilizzare esclusivamente i servizi cloud di un singolo produttore (anche se è la scelta più comoda).

Aggiornamento: Google ha comunicato che il problema ha riguardato il sistema di autenticazione.

Aggiornamento del 16 dicembre: i problemi per Gmail sono continuati nelle ore successive. Molti utenti hanno segnalato la comparsa del messaggioL’account di posta elettronica che hai tentato di raggiungere non esiste“. Google ha risolto il malfunzionamento alle ore 00:51.

Gmail

Servizi

Gmail, nuovi controlli per le funzionalità smart

Luca Colantuoni | 16 Novembre 2020

Gmail Google Privacy

Google ha annunciato l’arrivo di nuove impostazioni che permettono di controllare in modo semplice l’uso dei dati da parte delle funzionalità smart di Gmail, Chat e Meet.

Google ha annunciato l’arrivo di alcune novità per Gmail. In particolare, a partire dalle prossime settimane, gli utenti vedranno nuova impostazioni per le funzionalità smart e le personalizzazioni del servizio di posta elettronica, Chat e Meet. Sarà possibile scegliere se attivare o meno le cosiddette “smart features” e quindi consentire o meno l’accesso ai contenuti.

Da tempo è possibile utilizzare il Controllo Privacy per modificare le varie impostazioni sulla privacy e come Google utilizza i dati per “personalizzare l’esperienza”. I nuovi controlli relativi a Gmail, Chat e Meet non sono una vera novità, ma ora consentono di avere una maggiore comprensione sull’uso dei dati.

Controlli Gmail smart feature

La prima schermata permette di attivare o disattivare le funzionalità smart, tra cui il filtraggio automatico delle email in base alla categoria, la scrittura intelligente e le risposte rapide. La schermata successiva consente invece di personalizzare altri servizi, utilizzando i dati di Gmail, Chat e Meet (ad esempio i promemoria di Google Assistant per il pagamento delle fatture e la visualizzazione delle prenotazioni dei ristoranti su Google Maps).

Google sottolinea che Gmail, Chat e Meet sono “secure-by-design”. Le funzionalità smart sono fornite tramite algoritmi automatizzati, quindi nessuno legge i contenuti. Le inserzioni non sono basate sui dati personali dell’utente. In qualsiasi momento è possibile attivare/disattivare le singole funzionalità nelle impostazioni di Gmail.

Compleanno Gmail

HowTo

Passare velocemente da una casella e-mail all’altra in Gmail per Android

Alfonso Maruccia | 8 Ottobre 2020

Android App Gmail Google Posta

Il client e-mail di Google per Android permette di gestire più caselle di posta contemporaneamente, e il passaggio da una casella all’altra è davvero questione di un tocco.

Pur con tutti i difetti che caratterizzano le politiche monopolistico-ossessivo compulsive di Google, il client di posta Gmail per Android include alcune funzionalità degne di nota. Una di queste è la capacità di gestire contemporaneamente più caselle e-mail, da quelle fornite direttamente da Google alle e-mail di terze parti.

Una volta configurate e sincronizzate a dovere le e-mail aggiuntive, e dopo aver scelto di visualizzare solo una casella alla volta tramite la voce Posta in arrivo dall’icona hamburger in alto a sinistra, la gestione delle diverse caselle rappresenta forse una delle procedure più semplici da compiere tramite Gmail. Basta infatti aprire la app, quindi fare clic sul pulsante in alto a destra per aprire un pop-up con l’elenco delle caselle disponibili.

Gmail per Android - 1
Gmail per Android - 2

Dal pop-up potremo selezionare la casella e-mail che ci interessa consultare per aprire la visualizzazione corrispondente. Lo stesso risultato lo si raggiunge, in maniera ancora più semplice e immediata, trascinando l’icona in alto a destra verso il basso. In quest’ultimo caso Gmail passerà subito da una casella all’altra visualizzando i messaggi eventualmente presenti sull’account.

Gmail per Android - 3

La gestione separata delle caselle di posta garantisce un’esperienza di comunicazione personalizzata, organizzata e perfettamente in linea con le nostre esigenze professionali e/o personali. Un’opportunità ancora più interessante se si considera l’estrema semplicità del passaggio da una casella all’altra reso possibile dai controlli di Gmail per Android.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.