Google Pixel 5 leak

Google Pixel 5, immagini e possibili specifiche

Il Google Pixel 5 dovrebbe avere uno schermo OLED da 6 pollici, processore Snapdragon 765G, modem 5G, 8 GB di RAM, 128 GB di storage e due fotocamere posteriori da 12 e 16 megapixel.

L’azienda di Mountain View ha organizzato un evento per il 30 settembre riservato al nuovo Chromecast e a due smartphone, ovvero la versione 5G del Pixel 4a e il Pixel 5. Quest’ultimo è finito nel mirino del noto leaker Roland Quandt che ha pubblicato alcune immagini e le principali specifiche.

Come previsto, il Google Pixel 5 non sarà un “flagship phone”, ma avrà specifiche di fascia medio-alta. Si prevede uno schermo OLED da 6 pollici con risoluzione full HD+ (2400×1080 pixel), refresh rate di 90 Hz e un piccolo foro nell’angolo superiore sinistro per la fotocamera frontale in-display da 8 megapixel. Le immagini evidenziano uno spessore piuttosto ridotto delle cornici, in particolare quella inferiore.

La dotazione hardware dovrebbe comprendere il processore octa core Snapdragon 765G con modem 5G integrato, 8 GB di RAM e 128 GB di storage (non espandibili). Google avrebbe scelto due fotocamere posteriori con sensori da 12,2 e 16 megapixel (standard e ultra grandangolare). Nonostante la bassa risoluzione, gli scatti avranno sicuramente un’elevata qualità (anche in condizioni di scarsa illuminazione), grazie all’uso dei famosi algoritmi di fotografia computazionale.

La connettività verrà garantita dai tradizionali moduli WiFi 802.11ax, Bluetooth 5.0, GPS, NFC, LTE e 5G SA/NSA. Altre specifiche dovrebbero essere il lettore di impronte digitali (sul retro), la porta USB Type-C e la batteria da 4.080 mAh con supporto alla ricarica rapida da 18 Watt e alla ricarica wireless (anche inversa).

Il Google Pixel 5 avrà un telaio in vetro e alluminio con certificazione IP68. Il sistema operativo sarà ovviamente Android 11. Il prezzo previsto in Germania è 629,00 euro. Lo smartphone verrà distribuito anche Canada, Stati Uniti, Regno Unito, Irlanda, Francia, Giappone, Taiwan e Australia.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.