Samsung Galaxy Tab S7 render

Samsung Galaxy Tab S7, design e possibili specifiche

Il Samsung Galaxy Tab S7 dovrebbe avere uno schermo da 11 pollici, processore Snapdragon 865, modem 5G, 6 GB di RAM e due fotocamere posteriori.

Samsung ha pianificato il lancio di vari dispositivi nei prossimi due mesi. Oltre alla serie Galaxy Note 20 e al Galaxy Fold 2 si prevede l’annuncio dei Galaxy Z Flip 5G, Galaxy Watch 3 e Galaxy Tab S7. Il noto leaker Steve Hemmerstoffer ha pubblicato su Twitter i primi render del tablet di fascia alta.

I render sono derivati dai disegni CAD, quindi il design finale non dovrebbe variare molto. Le differenze sono minime rispetto all’attuale Galaxy Tab S6. I lati sono piatti, lo spessore delle cornici è molto ridotto e sul retro si vedono le linee delle antenne (quindi la cover è sicuramente in metallo). Esteticamente si nota una certa somiglianza con l’iPad Pro (2020). Lungo il lato sinistro c’è la scanalatura per fissare magneticamente la stilo S Pen.

Nelle immagini si vedono inoltre gli slot per microSD e SIM, la porta USB Type-C e le quattro griglie per gli altoparlanti. Lo schermo Super AMOLED dovrebbe avere una diagonale di 11 pollici, quindi un incremento di 0,5 pollici rispetto al Galaxy Tab S6. Nell’angolo superiore sinistro della parte posteriore c’è il modulo fotografico con due lenti e il flash LED. La fotocamera frontale è stata spostata nella cornice destra, quindi può essere sfruttata quando il tablet viene usato in orizzontale.

Samsung Galaxy Tab S7 render

La dotazione hardware dovrebbe inoltre comprendere il processore Snapdragon 865 (abbinato al modem Snapdragon X55 5G), almeno 6 GB di RAM e 128 GB di storage. La capacità della batteria potrebbe aumentare da 7.040 a 7.760 mAh, proprio per la presenza del modem 5G. Insieme al Galaxy Tab S7 è previsto il lancio del Galaxy Tab S7+ con schermo da 12,4 pollici.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.