Logo PlayStation

PlayStation 5, Sony conferma i rumor sulla nuova console (ma non il nome)

Già ampiamente anticipate nei mesi scorsi, le caratteristiche principali della prossima console nipponica sono ora state confermate da chi guida in maniera diretta lo sviluppo della nuova macchina.

Mark Cerny, principale “architetto” dell’hardware della prossima console videoludica di Sony, ha spiattellato tutto: uno degli uomini di punta del colosso giapponese ha confermato le caratteristiche salienti della “Play” di nona generazione, dando sostanza a chi l’ha già definita un “mostro” di potenza e rivelando nuovi particolari interessanti sull’esperienza che potranno aspettarsi gli utenti.

Parlando in esclusiva con Wired, Cerny ha in pratica ufficializzato quanto già si sapeva grazie ai rumor precedenti: il cuore della nuova console sarà ancora una volta una APU AMD custom, con CPU Ryzen di terza generazione a otto core (microarchitettura Zen 2 a 7nm) e una GPU dedicata basata sulla futura architettura Radeon Navi con caratteristiche esclusive fin qui inedite per il mondo console.

La nuova GPU avrà il “silicio” sufficiente per gestire la grafica in ray tracing fino a risoluzioni assurde come l’8K, ha svelato Cerny, mentre l’utilizzo della stessa architettura di CPU della PlayStation 4 (x86) garantirà la piena retrocompatibilità con i titoli e le esperienze ludiche di ottava generazione.

PS5

Ma la nuova Play non includerà solo tecnologie che sanno di “già visto”, considerando che Cerny ha voluto porre l’accento su novità significative sui fronti dell’audio e dello storage integrato: la prossima console rappresenterà un salto di qualità notevole per l’audio 3D, ha spiegato l’uomo di Sony, un upgrade che porrà rimedio alle poche differenze tecnologiche che hanno in tal senso caratterizzato il passaggio da PS3 a PS4.

La prossima console Sony continuerà a supportare i giochi su disco ottico con buona pace dei fanatici del cloud, ha confermato ancora Cerny, mentre lo storage interno rappresenterà un altro upgrade hardware da primato: la nuova console includerà un disco a stato solido per l’installazione di giochi e sistema operativo, ma la “banda grezza” disponibile dovrebbe andare oltre “qualsiasi SSD disponibile su PC”. A conferma delle sue parole, Cerny ha mostrato ai reporter di Wired una demo di una sequenza di fast-travel in Spider-Man: grazie al nuovo SSD, i tempi di caricamento sono scesi dai 15 secondi della PS4 fino a meno di un secondo.

La nuova console è già nelle mani degli studios più importanti sotto forma di kit di sviluppo sperimentale, ma Cerny non ha voluto fornire informazioni sulla data di uscita sul mercato. E’ probabile, come già previsto da molti, che la nuova console arrivi nel 2020. Pochi dubbi resto in merito al fatto che la macchina di nona generazione si chiamerà “PlayStation 5”, anche se il lead architect di Sony non ha fornito conferme nemmeno in tal senso.

PCProfessionale © riproduzione riservata.