Ninjutsu OS

Ninjutsu OS, la versione custom di Windows 10 rimossa da GitHub

Il progetto Ninjutsu OS mirava a modificare pesantemente Windows 10 con un gran numero di tool di sicurezza. Una plateale violazione del copyright, secondo Microsoft.

Creato dall’esperto di sicurezza Hasan A., Ninjutsu OS è (anzi era) un tool per la modifica dell’installazione di Windows 10, con l’obiettivo finale di rafforzare la sicurezza e la privacy del sistema per la sua adozione come strumento di penetration testing. Microsoft si è però messa di mezzo, chiedendo e ottenendo l’oscuramento del progetto su GitHub.

Ninjutsu OS aggiungeva la bellezza di 800 tool di terze parti a Windows 10, con alcuni programmi pensati per gli utenti regolari (qBitTorrent, Tor Browser) e molti altri dedicati agli esperti o agli appassionati di sicurezza informatica. Per contro, il tool rimuoveva funzionalità indesiderate o potenzialmente pericolose per la privacy tramite programmi dedicati come Win10-Initial-Setup-Script e O&O ShutUp10.

Proprio la rimozione “non autorizzata” dei componenti di Windows 10 sarebbe alla base della richiesta DMCA spedita da Business Software Alliance (BSA) per conto di Microsoft a GitHub (sempre di proprietà di Redmond). Nella richiesta si parla di “link a materiale protetto dal copyright”, mentre le caratteristiche del progetto che non vanno a genio alla corporation dei bug incorporati includono la personalizzazione di Windows 10 con tweak dedicati, la protezione della privacy, la disabilitazione delle funzionalità integrate nell’OS e la rimozione dei programmi e dei servizi di Windows.

Per conto suo, Hasan ha confermato che la violazione del copyright è del tutto fasulla e che Nijutsu OS richiede la disponibilità di una licenza legittima di Windows per funzionare correttamente. La pagina delle donazioni è al momento ancora online su Patreon, ma visto l’interessamento diretto di Microsoft è altamente improbabile che il progetto Ninjutsu OS abbia ancora un futuro. Su GitHub o altrove.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.