Amazon+Zoox

Amazon acquisisce Zoox, la start-up della guida autonoma

Importante operazione di mercato per Amazon, che ha appena annunciato la volontà di acquisire la start-up Zoox. Obiettivo: rafforzare la componente automotive della corporation di Jeff Bezos.

Amazon è da tempo impegnata sul fronte delle tecnologie per la guida autonoma, un settore che tra (pochi) alti e (molti) bassi procede spedito con la promessa di cambiare l’automotive per sempre. Il colosso dell’e-commerce ha annunciato l’acquisizione di Zoox, start-up relativamente giovane specializzata proprio nel design e nella creazione di veicoli in grado di guidarsi da soli.

L’annuncio dell’operazione da parte di Amazon non include particolari dettagli né cifre concrete, ma stando alle indiscrezioni pubblicate dal Financial Times il valore della acquisizione supererebbe gli 1,2 miliardi di dollari. Un investimento importante, che in ogni caso non si avvicina neanche lontanamente alla cifra mostre sborsata da Amazon per i supermercati bio di Whole Foods ($13,7 miliardi).

Jeff Bezos, CEO di Amazon

Amazon ha sottolineato l’importante expertise di Zoox nel campo dell’automotive: da quando è nata, sei anni fa, l’azienda è impegnata a “immaginare, inventare e progettare” un’esperienza di guida autonoma di livello mondiale. Un’innovazione che secondo gli ingegneri della start-up deve partire da zero per poter essere davvero rivoluzionaria.

Il management di Zoox dice che userà i (tanti, tantissimi) quattrini di Amazon per accelerare lo sviluppo della sua piattaforma di guida autonoma. Dal punto di vista di Amazon, invece, l’automotive intelligente offre notevoli opportunità di investimento e un possibile vantaggio futuro in ambito e-commerce.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.