NVIDIA contro COVID-19

[email protected], trovati potenziali bersagli per una cura contro il COVID-19

Il progetto [email protected] concentrato nel contrasto al COVID-19 ha portato alla scoperta di possibili strutture proteiche da prendere di mira nello sviluppo di una cura o un vaccino.

La pandemia di COVID-19 cavalca senza sosta con 45 milioni di persone infette e quasi 1,2 milioni di morti in tutto il mondo. Ricercatori e aziende sono impegnati al massimo nello studio del virus SARS-CoV-2 per la possibile formulazione di una cura o un vaccino efficaci, una scoperta degna come minimo del premio Nobel e potenzialmente destinata a fare la storia.

È impegnata su questo fronte anche [email protected], l’iniziativa di calcolo distribuito che sfrutta le CPU e le GPU degli utenti comuni per effettuare complesse simulazioni sulle strutture proteiche del SARS-CoV-2. La proliferazione del coronavirus ha provocato un autentico boom nelle “donazioni” di tempo-macchina da parte degli utenti, permettendo a [email protected] di raggiungere e superare i 2,4 exaFLOPS di potenza complessiva.

Folding@Home contro il COVID-19

Stando a una ricerca recentemente pubblicata online, il team di [email protected] avrebbe già messo a buon frutto i miliardi di miliardi di calcoli al secondo del network distribuito scoprendo alcuni dei più inaccessibili “segreti” del SARS-CoV-2. I ricercatori hanno individuato 50 “sacche criptiche” di peplomeri, ovvero le protuberanze che permettono ai coronavirus come il SARS-CoV-2 di legarsi ai recettori della cellula ospite invadendola e dando inizio all’infezione.

Le protuberanze con i recettori chiave del coronavirus che causa il COVID-19 sono normalmente ripiegate su se stesse, ma devono prima o poi “svelarsi” per attaccare le cellule di una persona infetta. L’imponente rete di calcolo di [email protected] ha permesso di identificare, per la prima volta in assoluto, la porzione del virus necessaria allo sviluppo dell’infezione. E che ora potrà offrire ai ricercatori e alle aziende farmaceutiche un possibile bersaglio per una cura definitiva o un vaccino massimamente efficace contro la prima pandemia del 21esimo secolo.

PCProfessionale © riproduzione riservata.