NVIDIA Omniverse

NVIDIA Omniverse, creazioni 3D gestite in remoto

NVIDIA ha presentato Omniverse, nuova piattaforma per lo sviluppo di contenuti ed esperienze 3D interamente gestita da remoto. Un tool perfetto in periodo di quarantena e per lo smart working del futuro.

Oltre alle nuove GPU Ampere per professionisti, la conferenza GTC è servita a NVIDIA come palco per la presentazione di novità tecnologiche molto interessanti sul fronte della grafica di sintesi. Una di queste novità si chiama Omniverse, e ha le potenzialità per cambiare in maniera significativa il modo in cui ingegneri e creatori di contenuti lavorano sugli asset e i progetti tridimensionali.

NVIDIA Omniverse è un sistema di simulazione in tempo reale per la collaborazione da remoto, un tool grazie al quale progettisti e designer possono collaborare costruendo una stessa scena 3D mentre sono connessi via Internet. Una soluzione interoperabile che agisce come hub creativo, spiega NVIDIA, con supporto alle workstation multi-GPU e alla creazione di mondi grafici ad alte performance.

NVIDIA Omniverse

Omniverse è basato sul formato USD (Universal Scene Description), tecnologia open source creata da Pixar che permette, tra le altre cose, di gestire la modellazione e la progettazione 3D con un sistema di layer non dissimile dal formato PSD di Adobe Photoshop. Indispensabile a quanto pare l’utilizzo delle GPU RTX come le nuove Ampere, così da sfruttare la capacità di calcolo dedicate per accelerare i calcoli in ray tracing.

Stando a quanto sostiene il CEO di NVIDIA Jensen Huang, Omniverse favorisce la fusione di mondo fisico e virtuale attualmente in corso. I team e i creatori sparsi in giro per il mondo avranno a disposizione uno strumento di collaborazione potente e flessibile, che permetterà loro di creare progetti complessi alla stessa maniera in cui si modifica un documento.

NVIDIA Omniverse concretizza il sogno del ponte ologrammi (Holodeck) di Star Trek, dice Huang. A conferma della validità della nuova offerta, la corporation californiana cita partner di peso interessati alla tecnologia come la già indicata Pixar, Industrial Light & Magic, Ericsson e altre decine di aziende attiva nella progettazione e nel design tridimensionale.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.