Raspberry Pi 400

Raspberry Pi 400, mini-computer compatto basato sulla board per maker

Raspberry Foundation ha avviato la commercializzazione di Raspberry Pi 400, un piccolo computer compatto basato sull’omonima schedina per maker. Utile per lavorare con il codice e non solo.

L’ultimo prodotto di Raspberry Foundation non è l’ennesimo aggiornamento della board Raspberry Pi ma un vero e proprio “computer”. Ovvero una tastiera compatta con all’interno una scheda Raspberry Pi 4, un dispositivo “tutto-compreso” pensato per evidenziare la facilità d’uso piuttosto che le qualità “fai-da-te” della schedina preferita da maker e hobbisti.

Raspberry Pi 400 include lo stesso SoC ARM con CPU quad-core di Raspberry Pi 4 ma con clock maggiorato (da 1,5GHz a 1,8GHz), 4GB di RAM, connettività wireless (Wi-Fi, Bluetooth), porte USB, header GPIO, doppia uscita video e il sistema operativo Raspberry Pi OS. La versione base costa $70, mentre un bundle con tastiera, alimentatore USB-C, mouse, cavi e guida introduttiva costa $100.

La tastiera-Raspberry è stata appositamente progettata per evitare un surriscaldamento eccessivo del SoC, dice la fondazione britannica, mentre per quanto riguarda il supporto internazionale è prevista la disponibilità di edizioni specifiche per Spagna, Francia, Germania e Italia oltre ai soliti UK e USA.

Raspberry Pi 400

Raspberry Pi 400 viene presentato come lo strumento educativo ideale per studenti di tutte le età, un vero e proprio computer a bassissimo costo in grado di facilitare l’insegnamento di concetti informatici come la programmazione e il networking. O anche come valido sostituto di una schedina Raspberry Pi classica per chi preferisce un maggior livello di integrazione e facilità di utilizzo rispetto al fai-da-te puro.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.