TSMC

TSMC: i chip con transistor da 3 nanometri arrivano nel 2022

La fonderia taiwanese TSMC rispetterà i piani già indicati per la produzione di chip con transistor da 3nm da qui a due anni. Mentre Intel…

La miniaturizzazione estrema dei transistor alla base di tutti i chip (CPU, GPU ecc.) moderni sembra non conoscere limiti. TSMC, una delle pochissime fonderie di chip indipendenti del mondo, preparerebbe una vera e proprio rivoluzione col debutto del suo processo produttivo da 3 nanometri entro il 2022.

Mentre Intel continua a sfornare CPU desktop che usano un processo produttivo da 14 nanometri “evoluti”, la corporation taiwanese è in linea con il completamento del processo da 3nm. TSMC starebbe già installando i sofisticatissimi macchinari necessari a “stampare” i chip ultra-miniaturizzati, dicono le fonti, con le produzioni “a rischio” previste per l’anno prossimo e le produzioni di massa in partenza entro la seconda metà del 2022.

In attesa dei 3nm, TSMC è al momento impegnata nella produzione di massa di chip con transistor da 5nm. Un processo che potrebbe arrivare sotto forma di GPU NVIDIA di prossima generazione (Hopper), o anche negli iPhone 12 con i SoC A14 Bionic. Grazie ai 5nm, e in futuro ai 3nm, i componenti computazionali dei gadget mobile e non solo dovrebbero garantire livelli di efficienza energetica (e quindi di prestazioni) mai visti finora.

Per non farsi mancare proprio niente, TSMC sarebbe secondo i rumor già attivamente impegnata nella ricerche su un processo produttivo a 2 nanometri. Anche Intel ha in programma di “sfondare” la barriera dei 2nm con un processo da 1,4nm ovvero transistor composti da soli 12 atomi di silicio, ma non prima del 2029.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.