Venere

C’è vita microscopica nell’atmosfera di Venere?

Un team di ricerca internazionale ha individuato tracce di fosfina nell’atmosfera di Venere. Un possibile segno di vita biologica sul pianeta, o di reazioni chimiche anomale per cui non esiste ancora spiegazione.

Mentre la comunità scientifica e tecnologica era in questi anni concentrata su Marte e sul possibile futuro di colonizzazione umana del Pianeta Rosso, un altro interessante soggetto dell’esplorazione spaziale ha in queste ore riservato una sorpresa a dir poco inaspettata. Tra le fitte nubi di Venere potrebbe esserci la vita, con segnali di microscopica attività biologica per cui al momento non esiste altra spiegazione plausibile.

Usando il James Clerk Maxwell Telescope (JCMT) nelle Hawaii, e poi confermando le osservazioni con la griglia di radiotelescopi dell’Atacama Large Millimeter Array (ALMA), in Cile, una squadra di ricerca internazionale guidata da Jane Greaves (dell’Università di Cardiff, nel Regno Unito) ha scoperto tracce di fosfina nell’atmosfera del secondo pianeta roccioso del Sistema Solare.

Atmosfera di Venere

Come evidenziato nello studio pubblicato su Nature, la fosfina (o fosfuro di idrogeno, composto da un atomo di fosforo e tre di idrogeno) è un gas incolore che, nelle condizioni dell’atmosfera di Venere, dovrebbe trovarsi in forma ossidata. La presenza di fosfina è insolita, dicono i ricercatori, e non è spiegabile se non con la presenza di microrganismi in grado di produrla attraverso il loro metabolismo.

Venere è, dopo Mercurio, il pianeta più vicino al Sole. Conosciuta fin dall’antichità per via della sua insolita luminosità seconda solo alla Luna, la “stella del mattino e della sera” viene spesso descritta come il pianeta gemello della Terra. Un pianeta che ha sperimentato un destino (finora) diverso, intrappolato com’è da un poderoso effetto serra globale con un’atmosfera composta principalmente da anidride carbonica, nubi impenetrabili (altamente riflettenti e composte da acido solforico) e una temperatura media sulla superficie di 380°.

L’individuazione di fosfina nell’atmosfera di Venere ha colto di sorpresa gli scienziati, che sono in ogni caso attenti a non parlare di una prova definitiva dell’esistenza di vita sul pianeta. Il composto potrebbe trovarsi lì come risultato di reazioni chimiche insolite o ancora sconosciute. Sulla Terra, la fosfina viene prodotta dall’uomo per via industriale oppure dai microrganismi in ambienti privi di ossigeno.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.