PowerToys

Windows PowerToys, la nuova release porta in dote l’utility Power Rename

L’ultima versione dei PowerToys rilasciata da Microsoft include diverse migliorie per i tool già integrati nella suite, con in più la nuova utility Power Rename per facilitare la modifica dei nomi di file “in blocco”.

Lo sviluppo dei nuovi PowerToys, suite di piccole utility contestuali pensate per “potenziare” e personalizzare l’esperienza utente in Windows 10, procede spedito e senza intoppi. La nuova versione della suite rilasciata in queste ore include Power Rename, un nuovo comando contestuale che integra nella shell di Windows un utile strumento di modifica dei nomi di file in modalità “Batch”.

L’edizione storica di PowerToys era pensata per sviluppatori e power user interessati a usare strumenti avanzati all’epoca oramai lontanissima di Windows 95, mentre la nuova incarnazione open source della suite è specificamente progettata per fornire una maggiore efficienza alla Shell grafica di Windows 10.

Microsoft ha ora distribuito la versione 0.12.0 di PowerToys, una release che include prima di tutto il nuovo strumento PowerRename: quest’ultima utility permette di accedere, tramite il solito Menu Contestuale, a un comando di rinomina di un gruppo di file in grado di velocizzare le operazione di modifica con una comoda funzionalità di “cerca e sostituisci” – oppure tramite l’utilizzo di una serie di espressioni regolari.

PowerToys, Power Rename

PowerRename si aggiunge alle due utility già presenti nella precedente versione preliminare di PowerToys distribuita a settembre, ovvero FancyZones (per creare un layout di finestre personalizzato) e Windows Key Shortcut Guide; nel primo caso, la release 0.12.0 aggiunge il supporto ai setup multi-monitor e corregge diversi bug nel codice.

PowerToys 0.12.0 include altresì il supporto per la modalità scura nelle impostazioni della suite e in Shortcut Guide, mentre per il prossimo futuro gli sviluppatori Microsoft sono già impegnati nello sviluppo di utility per massimizzare una finestra in un nuovo desktop, terminare i processi e per registrare il contenuto dello schermo in un’immagine gif.

PCProfessionale © riproduzione riservata.